Il Comune ha deciso: è Cinzia D'Eliso il secondo componente del CdA ASV

di La Redazione
Politica, Cronaca
30 luglio 2018

Il Comune ha deciso: è Cinzia D'Eliso il secondo componente del CdA ASV

A breve il consiglio sostituirà l'amministratore unico

È Cinzia D’Eliso il secondo componente del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Servizi Vari individuato dal Comune di Bitonto. Dopo Massimo Labianca, il sindaco Michele Abbaticchio ha scelto con apposito decreto la 43enne barese, a cui adesso spetterà il compito di rappresentare Palazzo Gentile nell’organo di governo dell’Azienda.

Secondo quanto si legge sul provvedimento, pubblicato sull’albo pretorio, la D’Eliso è in possesso di diploma di laurea quadriennale conseguita nel vecchio ordinamento degli studi universitari in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” ed è abilitata alla professione di Dottore Commercialista e Revisore contabile. 

Il consigliere non è stato scelto pescando dalla lista di professionisti che hanno partecipato all’avviso pubblico dello scorso febbraio, perchè nessuna delle candidate donna rispettava i requisiti richiesti. Così da Corso Vittorio Emanuele hanno deciso di puntare sulla D’Eliso, che lo scorso 25 luglio aveva inoltrato al Municipio una manifestazione d’interesse, convinti da “un’esperienza professionale in qualità di componente effettivo di collegio sindacale di società, di revisione e analisi di bilanci societari, di liquidazione di società, di docenza in materia di gestione e organizzazione delle risorse umane, di redazione di bilanci civilistici e consolidati e di revisione e analisi di bilanci”.

Il Consiglio di Amministrazione entrerà in carica, sostituendo l’amministratore unico Vincenzo Castellano, quando anche il socio privato, Puglia Multiservizi, avrà individuato ufficialmente il proprio componente - che, secondo quanto fatto sapere, sarà sicuramente un uomo. L’organo dovrà gestire una situazione complessa, soprattutto sotto il profilo economico: nel 2017 ASV ha registrato una perdita di esercizio pari a 319.624,00 euro, a cui va il rosso di altri 235mila euro del biennio precedente.