Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-06-27 12:27:41' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-06-27 12:27:41' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-06-27 12:27:41' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Cronaca e Attualità
25/06/2014

Scorie nucleari. La murgia in pericolo

Presto la decisione sul Deposito Unico. L'agro pugliese tra i papabili siti

La murgia pugliese continua a tremare. A breve il Governo dovrà individuare il luogo dove realizzare il "Deposito unico delle scorie radioattive", il sito che, entro una decina d'anni, dovrà custodire 90mila metri cubi di scorie radioattive oggi disseminati in 23 depositi temporanei.

 

Secondo i criteri individuati dall'ISPRA, l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, il tratto di murgia tra Altamura e il confine con la Basilicata, a poche decine di chilometri dal territorio bitontino, sarebbe tra i siti ideali per stoccare le tonnellate di rifiuti nucleari italiani. La realizzazione dell'impianto, che secondo i progetti dovrebbe essere grande come un campo da calcio e alto quanto un edificio a cinque piani, dovrà essere disposta entro quattro anni, per essere pronti nel 2025 al definitivo conferimento.

 

Il progetto Deposito Unico, previsto da una legge del 2010, tuttavia, è ancora impantanato negli uffici del Ministero dell'Ambiente. Il motivo? A detta della Sogin, "la società pubblica responsabile del decommissioning degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi candidata a realizzare il sarcofago nucleare" (Fonte ilfattoquotidiano.it ndr), la vicenda è stata messa in stand-by in vista delle Europee.

 

Una vicenda che rischia di alzare un nuovo polverone ambientale. "Dunque si pensa seriamente di installare un impianto di enorme impatto ambientale a ridosso di una zona di pregio come il Parco Nazionale dell'Alta Murgia, con tradizioni agricole peculiari e tutelate ed abitata da centinaia di migliaia di persone - avevano dichiarato nel 2010, all'indomani della pubblicazione della legge, gli ambientalisti di Altamura - Nel cuore di un'area già violentata in passato da attentati contro l'ambiente e le persone che in esso vivono e lavorano (si pensi allo spargimento di fanghi inquinanti, allo spietramento e agli abusivismi edilizi) e che già patisce i vincoli di enormi servitù militari, come la polveriera di Poggiorsini e i numerosi poligoni".

 

 

Savino Carbone

BitontoTV Staff

Commenti

  • Sono profondamente sorpreso per l'ASSORDANTE SILENZIO che questo articolo ha prodotto. Non un commento, un solo commento!!! Si direbbe che i tanti "verdi", "edologisti", "ambientalisti", "amanti del territorio" e via cantando, si siano letteralmente liquefatti. Una notizia di tale portata avrebbe dovuto produrre un effetto, un allarme tale da - come minimo - allertare non solo le comunità interessate, ma anche le Istituzioni in essere presenti. Invece...NULLA!!! Spero di sbaglarmi. Spero di non essere stato capace di percepire quanto "nascostamente" si và preparando. Altre realtà, altre comunità, altri cittadini di una regione a noi vicina(Basilicata: Scanzano Jonico docet!)hanno saputo per tempo attivarsi a tutela del proprio territorio, spuntando e facendo valere i propri interessi in situazioni che sembravano irreversibili. Qui si tratta di tutelare non solo il nostro presente, il nostro futuro prossimo, ma anche il futuro di tante future generazioni!!! Un pò di responsabilità nei loro confronti ritengo che la si debba sentire. Assumere delle responsabili iniziative per contrastare insane decisioni di tale portata, prese "in alto" a insaputa delle comunità interessate (ahimè, di questi tempi va troppo di moda "a propria insaputa"!) sia DOVEROSO, NECESSARIO e IRRINUNCIABILE. Desidero congratu-
    larmi con la testata per il rilievo dato a questa notizia. Prego la Redazione di seguire l'evolversi della situazione, dandone puntuale e tempestiva informazione. Il presidio del Territorio ha bisogno di buoni vigilanti e la buona stampa ne è strumento partecipativo e democratico. Buon lavoro!

    cittadinobitontino

    Inserito lun, 30 giu 2014 - 10:10:37

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.