Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-08-24 13:38:04' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-08-24 13:38:04' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-08-24 13:38:04' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Svoltalacarta
06/05/2014

Fare festa il Primo Maggio

È passato. Ma vale rifletterci per la prossima volta

Ci ho pensato di continuo perché questo 1° maggio ero in un luogo dove qualcuno, gioco forza, deve lavorare: un ospedale. Puoi programmare interventi, medicazioni, ambulatorio, ma la malattia non va in ferie. E i malati nemmeno. Qualcuno qualcuno ti rimane in corsia che impone che il servizio sia attivo. Per non parlare poi di quelli che arrivano all'improvviso e ti costringono a una giornata frenetica.


Il mantra in luoghi come questi costretti a garantire un servizio è il lamento che nel giorno della festa dei lavoratori ci sono i ‘fessi' che lavorano. Un mantra non di tutti ma sotteso. Campeggia nell'aria.


Allora il 1° maggio per onorare, ricordare il lavoro e i lavoratori tutti, quelli che ce l'hanno, quelli che lo cercano, che lo hanno perso, quelli che studiano per averlo, quelli morti di lavoro, o il 1° maggio per avere occasione per far festa dal lavoro?
Ecco la domanda che mi è ronzata in testa: festa del lavoro o festa dal lavoro?
Se poi come quest'anno il 1° di maggio ti permette di allungarti in un ponte fino alla domenica, hai fatto bingo: un lungo week end. Di riposo? Vacanza? Di non lavoro.

 

Eppure quella del 1° maggio per la nostra democrazia dovrebbe essere una Festa come quella del 25 aprile. Una festa nazionale. La nostra Costituzione sancisce che il nostro Paese è una Repubblica fondata sul lavoro, non sulla scampagnata o il concertone o il ponte lungo.
Sul lavoro che c'è e soprattutto su quello che oggi manca. Su quello che dobbiamo inventarci provando a immaginare e sviluppare modelli di sviluppo diversi.

 

Negli anni delle diverse Feste che ricordano tappe fondamentali della nostra storia democratica abbiamo perso il senso e il valore e le abbiamo trasformate in occasioni per fare festa.
Per molti il 1° di maggio è il giorno del concertone a Roma.
E il 25 aprile l'occasione per una scampagnata fuori porta.

 

Abbiamo un anno per pensarci. Ma se il prossimo 1 maggio invece del concertone facessimo una giornata open day di tutti i posti di lavoro? Cioè se aprissimo le fabbriche (quelle rimaste) le officine, le pubbliche amministrazioni, le scuole e ognuno festeggiasse il lavoro nel luogo in cui lo svolge? Un giorno nel quale spiegare ai nostri figli, ai nostri amici la bellezza e la ricchezza, le difficoltà del lavoro che facciamo. Un giorno nel quale raccontare e narrarci nel lavoro che facciamo, è che è una parte di noi.
Un giorno per celebrare non per fuggire dal lavoro... chi il lavoro ce l'ha.

 

Elvira Zaccagnino

 

BitontoTV Staff

Commenti

  • - cara Elvira Zaccagnino, il 1° Maggio è ed è sempre stato il giorno simbolo dell'Emancipazione dei lavoratori e dal lavoro! non è un caso che il 1° Maggio nasce dalla grande battaglia sociale, promossa dagli Anarchici in tutto il mondo, per la conquista delle otto ore lavorative. nasce dai gravi fatti di Chicago bagnati dal sangue dei nostri Compagni, questa è la Storia! tutto il resto sono soltanto mistificazioni per cancellarne il significato. sono d'accordo con te quando fai riferimento anche al 25 Aprile, ma anche qui la mistificazione cerca di fare da padrona, anche qui il sangue versato e non di certo per una repubblica delle banane o per una scampagnata. gli ignobili "uomini" di potere che ci succhiano il sangue, cercano di succhiare anche il Sangue che ha costruito la Storia per cercare di legittimari, ma sta alle persone oneste impedire che ciò accada. la nostra Terra ha dato con valore il suo contributo e non va dimenticato che le prime "8 ore" in Italia furono conquistate in Puglia, qui a Bisceglie. - Gino Ancona

    Gino Ancona

    http://www.artiemestieri.info

    Inserito mar, 06 mag 2014 - 12:19:05

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.