Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-08-18 09:42:42' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-08-18 09:42:42' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-08-18 09:42:42' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Cronaca e Attualità
17/04/2014

Svolta nelle indagini sugli assalti ai distributori di carburante

La Polizia arresta il pregiudicato Davide Sicolo e individua un complice
Svolta decisiva nelle indagini sugli assalti ai distributori di carburante a Bitonto. Nelle scorse ore gli agenti del commissariato guidati dal dottor Giorgio Oliva hanno arrestato il 25enne pregiudicato D.S., ritenuto componente della banda che ha terrorizzato per settimane i benzinai. Ad incastrarlo sono state soprattutto le immagini delle telecamere di videosorveglianza che l’hanno sorpreso mentre rubava l’auto, una vecchia Ford Fiesta, usata per il colpo alla Camer del 25 febbraio.
Le riprese di una camera installata in una proprietà privata nei pressi dell’auto rubata hanno infatti permesso di individuare l'arrestato e uno dei complici che poco dopo, insieme ad una terza persona, hanno messo a segno la rapina al distributore. Anche in questo caso ad aiutare gli investigatori sono state le immagini della videocamera di sorveglianza. A spazzare via i dubbi altre tre circostanze. La prima: i pantaloni da ginnastica neri e la maglia indossate dal giovane durante la rapina sono state ritrovate dai poliziotti nella lavatrice della sua abitazione. La seconda: la Fiesta è stata ritrovata poco dopo nelle campagne adiacenti l’abitazione dell'indagato. La terza: le telecamere del Comune installate nei pressi della casa del ragazzo hanno ripreso nel primo pomeriggio dello stesso giorno tre individui incappucciati che entravano nel portone condominiale dell’abitazione in via Ugo La Malfa. Un successivo sopralluogo della polizia scientifica ha fornito un ulteriore elemento che ha permesso di risalire al giovane arrestato: le impronte digitali trovate sull’auto usata per il colpo appartengono all’uomo.
La polizia ha individuato anche uno dei complici, nei confronti dei quali però non è ancora scattato alcun provvedimento. Il 25enne invece è accusato anche di due furti messi a segno nei giorni successivi ai danni di due negozi di casalinghi.
BitontoTV Staff

Commenti

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.