Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-08-25 07:07:32' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-08-25 07:07:32' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-08-25 07:07:32' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Cronaca e Attualità
08/04/2014

NTA. Nelle cave esaurite si possono realizzare discariche

Lo smaltimento di RSU in siti esausti è consentito da un cavillo del dispositivo

Un territorio su cui è possibile realizzare discariche. E' quanto emerge da un'analisi delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale del Comune di Bitonto. Il documento che disciplina gli interventi sul territorio comunale, redatto e approvato durante le due giunte Pice, consentirebbe la progettazione e l'effettiva realizzazione di un impianto di smaltimento in cave esaurite.

 

L'articolo 22 del dispositivo, alla sezione 1.c, recita "per quanto attiene in particolare le discariche di rifiuti solidi urbani (R.S.U. ndr) le stesse sono consentite in cave già esaurite e con le limitazioni di cui articolo 22.1a". Un cavillo che sostanzialmente legittima la costruzione di impianti di stoccaggio in cave in cui non viene più svolta l'attività estrattiva. Stranamente inserito nella sezione che le NTA dedica alle "Attività Agroturistiche".

 

La norma disciplina una casistica che comprende anche la vicenda FerLive. La società facente capo al calabrese Paolo Tinello intende realizzare un impianto di smaltimento di materiali ferrosi nella cava dei fratelli Robles, in località Colaianni. Non si parla certo di R.S.U., ma il cavillo NTA può costituire un punto di vantaggio alla FerLive per due ragioni: di fatto rende legittime le discariche realizzate in passato in vecchie cave, ma soprattutto può costituire un precedente sui generis, ma su cui comunque puntare in sede dibattimentale. Con un ricorso al Tar Puglia ancora pendete e un'udienza che potrebbe essere fissata da un momento all'altro.

 

Pare che l'Amministrazione Comunale intenda porre in essere azioni di tutela proprio su questo versante. Il no alle cave riempite di rifiuti, dunque, deve passare necessariamente dalla modifica dell'articolo 22 del dispositivo. Che già questo pomeriggio finirà sui banchi del Consiglio Comunale.

 

Savino Carbone

BitontoTV Staff

Commenti

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.