Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-05-24 21:54:19' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-05-24 21:54:19' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-05-24 21:54:19' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Cronaca e Attualità
11/03/2014

La: articolo di genere non pervenuto

[Svoltalacarta] Il maschile e il femminile affidati all'articolo. Il neutro non è dato. Negli articoli di legge nemmeno il femminile.

La grammatica ci perseguita dall'infanzia. Articolo determinativo e indeterminativo. Di genere maschile e femminile. Di numero singolare o plurale.
Mettere l' articolo al genere, a volte, non è semplice.
Pensate a "un" seguito dall'apostrofo. Si mette, l'apostrofo, quando la parola che segue è di genere maschile o femminile? C'è la regola, ma poi si sbaglia. Si inciampa. Errore da matita blu.
L'articolo identifica. In alcune lingue esiste il neutro. Anche le lingue da cui la nostra ha origine lo avevano. In greco e in latino il neutro c'era. L'italiano non lo ha più.
Ci fosse stato ancora, forse ci avrebbe aiutato.
Due parole: potere e preda ad esempio. E due articoli: il e la.
Il potere è di genere maschile.
La preda, annotava argutamente Danilo Dolci, nelle lingue neolatine è generalmente di genere femminile.
È vero, anche violenza, è di genere femminile. Come anche vittima.
Non si dice il vittimo. O il preda. O la potere.
È un po' come mamma e papà. La parola, il genere, il ruolo. Anche sociale.
Di presidente puoi dire presidentessa. Di parlamentare l'articolo ti aiuta a capire se è un lui o una lei.
Ma la mamma è la mamma. Il papà e il papà. O forse no? Di certo no. Ma questo sarà un altro post.
Ora pensiamo a potere e preda.
Perché il potere è maschile nel genere e nelle forme in cui si declina. Nei modi e nella sostanza.
È così maschile che l'idea di condividerlo anche e totalmente a metà facendo spazio non passa.
La parità di genere fa paura a chi ha il potere politico.
Siamo ancora al punto che, perché la parità di genere passi in Parlamento bisogna che le donne firmino appelli bipartisan, che invochino clemenza ai maschi per avere uguale spazio.
Non è un bel punto per un Paese democratico. Soprattutto se nonostante gli appelli, le richieste, la legge non passa.
Se si sceglie di votarla a scrutinio segreto e non palese.
Un potere che non ascolta è un potere meno forte. Un potere indebolito non dall'articolo che lo identifica, ma dalla sua declinazione. Questo tipo di potere crea vittime e prede.
Il vantaggio di declinare diversamente il potere sarebbe quello di avere meno prede e meno vittime. Vantaggi anche sociali.
Il, lo la, i, gli, le. Non è questione di articolo ma di declinazione.
A scrutinio palese. Guardandoci in faccia.

 

Elvira Zaccagnino

BitontoTV Staff

Commenti

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.