Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-08-24 13:41:42' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-08-24 13:41:42' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-08-24 13:41:42' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Cultura e spettacolo
08/03/2014

Festa della donna. Il messaggio di Forza Italia e Giovane Italia

Il centrodestra ricorda la giornata dedicata alla condizione femminile

8 Marzo, giornata di bilanci sulla condizione femminile, in cui sensibilità e attenzioni verso le tematiche di genere sembrano aumentare. Arriviamo a questa data con le cronache che quasi quotidianamente ci riportano vicende tragiche che coinvolgono donne e con una crisi che le colpisce per prime e più duramente.
Con tutto rispetto per la tradizione, questa battaglia per i diritti delle donne non deve avere una connotazione politica, ma essere trasversale, non è giusto relegarla in uno schema che non le appartiene. Ricordarsi di essere donne e volere pari dignità e diritti, non è andare un giorno all'anno in pizzeria o discoteca. Questo giorno, dovrebbe essere di riflessione per chi subisce ancora, anche intorno a noi, ingiustizie legate al genere.
È stato stimato che ogni 12 secondi una donna subisce violenza: 290 al giorno! (dati Eures 2013).
Sono dati preoccupanti che abbiamo il dovere di combattere con ogni mezzo e primo fra tutti quello della cultura e dell'informazione, perché ogni donna possa sentirsi ascoltata, capita e difesa, ma soprattutto non più sola.
Bisogna intervenire psicologicamente per il recupero della propria stima, ma anche economicamente garantendo quella indipendenza dal proprio carnefice che spesso imprigiona nell'omertà per il timore di rimanere senza i fondi necessari per poter mantenere se stesse ed i propri figli.
Ban Ki-Moon in un messaggio rivolto alle donne disse: <....investire sulle donne non è solo la cosa giusta da fare, è la cosa intelligente>.......<convinto che, nelle donne, il mondo abbia a disposizione il potenziale più significativo e tuttavia più largamente inutilizzato per lo sviluppo e la pace>.
Sono le donne a subire le conseguenze più severe della povertà, dell'analfabetismo, delle guerre e ad essere le vittime dei più odiosi abusi dei diritti umani, e fino a quando i diritti delle donne non saranno riconosciuti dalle istituzioni come centrali per il perseguimento di programmi di sviluppo sostenibili ed efficaci, non ci saranno passi avanti significativi nella lotta contro queste discriminazioni.
Il cammino è dolorosamente ancora lungo e tortuoso!
Ogni giorno le DONNE combattono contro un datore di lavoro che, prima di assumerle, chiede loro se pensano di avere dei figli; contro un mancato congedo di maternità; contro un marito che nega loro la possibilità di cercare un lavoro, per rendersi indipendenti; contro il pregiudizio di tanti che sono fermamente convinti che le donne non sono in grado di eseguire determinate mansioni (quante donne sono ai vertici di aziende o a capo di Governi?!! Pochissime!).
Ancor più grave è poi l'aspetto legislativo. Sorprende sapere che in paesi democratici, o che tali si professano, o che dichiarano di essere più sensibili al tema, mancano norme in materia di tutela della donna, su più fronti. Nello specifico ,il primo vero passo per combattere la violenza contro le DONNE, è quello di ritenerla un reato specifico.
Un passo importante, in tal senso, sul nostro territorio nazionale, è avvenuto il 9 ottobre 2013, quando è stato convertito in legge il "Decreto sul femminicidio", che introduce, finalmente, le aggravanti per le violenze perpetrate in una relazione affettiva, ai danni di una DONNA incinta o sotto gli occhi di un minore.
L'autentica chiave di lettura è per noi, dunque, quella che considera l'emancipazione della donna, non come quel sentimento di uniformarsi all'uomo: la donna deve essere sempre se stessa, senza mai perdere il rispetto per se stessa.
A tutti, uomini e donne che siano, allora, un invito: rimuovere dai loro comportamenti e modi di pensare, quanto di discriminatorio possa esserci nei confronti delle donne e dei più deboli in genere, perché solo abbattendo il muro dell'isolamento sociale si può costruire una società migliore in cui riconoscersi e riconoscere le proprie potenzialità.
Buon 8 marzo!

 

Comunicato Stampa Giovane Italia e Forza Italia

 

 

 

BitontoTV Staff

Commenti

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.