Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-05-24 21:12:15' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-05-24 21:12:15' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-05-24 21:12:15' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Politica
28/02/2014

Riprese del consiglio. Maggioranza: 'Manca il Regolamento'

La coalizione autorizzerà tutte le riprese sino alla redazione del documento. Natilla: 'Avvenimento senza precedenti'. Ricci: 'Dobbiamo assicurare massima trasparenza'

Il gruppo di maggioranza getta acqua sul fuoco su quanto accaduto due giorni fa in Consiglio Comunale, quando alcuni consiglieri di maggioranza e il Presidente dell'assise hanno impedito alle telecamere di PuntoTv di riprendere i lavori della seduta.

"Al fine di sgombrare ogni tipo di interpretazione non veritiera o strumentale sulle vicende relative all'ultima seduta del Consiglio Comunale della nostra Città - scrive in una nota congiunta la coalizione che sostiene Abbaticchio - i consiglieri di maggioranza dell'Amministrazione Abbaticchio, pur salvaguardando il diritto personale alla tutela della propria privacy, si rendono conto della difficoltà degli operatori della Stampa nell'esercitare la propria nobile professione in un contesto, sinora mai normato, come quello della Assemblea Consiliare di Bitonto, nella quale è al momento necessaria la richiesta di autorizzazione alle riprese audio-televisive per ogni singola Seduta di Consiglio".


Come ha già precisato il Sindaco (clicca qui per leggere l'articolo), "l'assenza di un Regolamento Comunale al riguardo, infatti, ha determinato lo spiacevole equivoco che si è consumato fra diritto sacrosanto all'informazione e rispetto delle regole a tutela di tutti gli Organi di Stampa e dell'intera Assise".  Ecco dunque che "per non continuare a perseguire possibili futuri malintesi, tutti i consiglieri comunali di maggioranza autorizzano personalmente, sin da ora, le riprese audio-visive che la Stampa potrà effettuare, nell'attesa di deliberare un Regolamento che disciplini la materia e la cui Bozza sarà depositata presso l' Ufficio di Presidenza del Consiglio già nei prossimi giorni.
Nella speranza di aver chiarito le reali intenzioni che animano i consiglieri e le Forze Politiche che sostengono la coalizione di Governo cittadino, ribadiamo il massimo rispetto per il diritto all'informazione che non mai è mancato durante questo percorso politico-amministrativo"
.

 

Di diverso parere Franco Natilla che parla di "avvenimento senza precedenti". "A nome mio personale e dei cittadini elettori bitontini che rappresento - scrive il consigliere piddino - esprimo incondizionata solidarietà a Vito Schiraldi e alla testata televisiva PuntoTv il quale veniva censurato durante il consiglio comunale di ieri 26 febbraio ad opera del capogruppo di SEL e di tutti i consiglieri di maggioranza che lo hanno avallato nella richiesta di censura". "Cosa i cittadini non avevano il diritto di sapere e di vedere?" si chiede Natilla.
"Un avvenimento senza precedenti che macchia la storia politico-amministrativa della nostra città ad opera di esponenti di una amministrazione che aveva dichiarato di volere trasformare il palazzo comunale in un gazebo costantemente aperto a tutti - chiude il membro del Partito Democratico - in un Paese democratico la stampa non può e non deve essere soggetta ad autorizzazioni o censure".

 

Il capogruppo Pd Francesco Paolo Ricci ricorda come "sin da subito in Consiglio Comunale ho evidenziato la necessità di intervenire urgentemente sulla regolamentazione in materia, su cui giacciono depositate da oltre due anni più propose di regolamento". "A nome del Pd - continua l'avvocato - dopo la sospensione sono stato il primo a stigmatizzare la lesione del diritto di cronaca ai danni di una testata giornalistica, da parte del Presidente del Consiglio e del consigliere Modugno. Mi sorprendo che il Sindaco si soffermi sui cavilli normativi e sull'orientamento giurisprundeziale in ordine all'esigenza di garantire il diritto alla privacy e alla cronaca. A mio parere come consiglieri comunali all'interno di una discussione pubblica, di procedimenti pubblici e potenzialmente conoscibili da parte di tutti i cittadini non vi è tutela della privacy che regga, ma deve essere assicurata la massima informazione e date ampie garanzie al diritto di cronaca".

BitontoTV Staff

Commenti

  • "i consiglieri di maggioranza dell'Amministrazione Abbaticchio, pur salvaguardando il diritto personale alla tutela della propria privacy,..."

    ...Ma quale privacy!? Ma state scherzando oppure volete arrampicarvi sugli specchi per una indecorosa scivolata che vi ha visti artefici di una vergogna senza precedenti?

    Ho sempre apprezzato Abbaticchio e la maggioranza che lo sostiene ma, in questo frangente, la cosa più saggia da fare, per salvaguardare l'onestà dell'intera maggioranza, è quella di scusarsi con la Città e i giornalisti ed ammettere il proprio errore, un errore grave e degno delle più rozze prassi dittatoriali, delle più depravate imposizioni da "Repubbliche delle Banane" .

    Personalmente sono disgustato dal comunicato dei consiglieri di maggioranza, comunicato che non rispecchia affatto la loro reale consistenza etica perchè so essere molto alta...è più semplice chiedere scusa ammettendo il proprio errore perché chi si emenda è attendibile e onesto, mentre chi cerca di trovare giustificazioni ai propri errori, non riconoscendoli tali, è in malafede, inattendibile e inaffidabile!

    Fate l'unica cosa giusta che vi rimane da fare...scusarsi con la Città e "Punto TV"; ammettere di aver sbagliato, riconfermando la vostra onestà intellettuale e ribadendo che la trasparenza è alla base della correttezza .

    Vi ricordo inoltre che voi, cari consiglieri, svolgete un ruolo pubblico e, nell'espletamento del vostro mandato, non potete invocare alcun diritto alla riservatezza perchè il vostro ruolo è istituzionale e dunque PUBBLICO, e non riguarda affatto la sfera privata e personale...CHIARO?

    Dunque, meno buffonate e più concretezza nell'ammettere le vostre responsabilità, i vostri errori (sicuramente commessi in buonafede), cercando di rimediare per il futuro!

    G.L.

    Inserito ven, 28 feb 2014 - 12:57:22

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.