Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-08-18 09:45:03' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-08-18 09:45:03' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-08-18 09:45:03' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Cronaca e Attualità
22/02/2014

'Buco alla Asl'. Assolto Delvino

Il manager bitontino è stato dichiarato innocente. L'accusa era di falso in atto pubblico

Vito Antonio Delvino, ex direttore generale dell'Asl di Massa Carrara, è stato assolto dal giudice Alessia Solombrino dall'accusa di falso in atto pubblico nell'ambito dell'inchiesta sul maxi buco all'azienda sanitaria toscana. Un'assoluzione piena arrivata al termine del rito abbreviato, chiesto dall'imputato bitontino, "perchè non ha commesso il fatto".

 

Il dottore, classe '52, era stato accusato con altri due ex direttori della Asl, Ermano Giannetti e Alessandro Scarafuggi, di non aver fatto piena luce su un "buco" da 270 milioni di euro che rischia, oggi, di mandare a gambe all'aria l'azienda sanitaria massese.

Tre ordinanze di custodia cautelare erano state eseguite nel 2012 nell'ambito dell'inchiesta. In carcere era finito Ermanno Giannetti, ex direttore amministrativo, mentre per il bitontino e per l'altro ex direttore generale, ora direttore della Asl di Pistoia, erano scattati i domiciliari.

Sul disavanzo della Asl il Consiglio regionale ha anche istituito una commissione d'inchiesta.
L'indagine venne aperta quasi due anni fa, nell'autunno 2010, quando il presidente della Regione Enrico Rossi, già assessore regionale alla sanità, portò in procura i documenti relativi al bilancio 2009 dell'Azienda di Massa. Delvino e Giannetti vennero subito iscritti nel registro degli indagati.
La Guardia di Finanza aveva sequestrato beni per un milione e mezzo di euro riconducibili all'ex direttore Giannetti. La procura si era soffermata su alcune voci di bilancio in attivo che sarebbero state falsificate per permettere l'uscita di denaro verso singoli soggetti privati e da qui le accuse anche per gli 11 imprenditori denunciati.

BitontoTV Staff

Commenti

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.