Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-05-23 05:03:44' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-05-23 05:03:44' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-05-23 05:03:44' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Cronaca e Attualità
20/02/2014

Estorsione. Condannati due affiliati ai clan Cipriani e Cassano

Avevano minacciato un imprenditore edile. Fondamentale l'apporto della Federazione Antiracket Italiana

Si è tenuta nei giorni scorsi, davanti al giudice del Tribunale di Bari Alessandra Pilego, l'udienza nell'ambito del processo che vede imputati due pregiudicati, legate ai clan Cipriani e Cassano, accusati dei reati di estorsione, aggravata da minacce, ai danni di un imprenditore edile di Palo del Colle.

 

Nel Marzo 2013, i due imputati, Michele Chimienti e Fedele Giancarlo Mele, avrebbero chiesto alla vittima di pagare il cosiddetto "caffè", in realtà un pizzo quantificato in 1000 euro. Una cifra, a detta degli imputati, di molto inferiore rispetto a quanto chiesto solitamente dalla criminalità, che estorce tra i 5000 e i 10000 euro. Di fronte alla volontà di non pagare da parte dell'imprenditore, gli imputati hanno fatto ricorso dunque a minacce di morte e all'ostentazione della propria appartenenza a clan bitontini, costringendo infine la vittima a versare 200 euro.

 

Grazie alla denuncia della vittima e al pubblico ministero Francesco Perrone, i due sono stati tratti agli arresti domiciliari fino alla sentenza del 12 Febbraio. Quando sono stati condannati rispettivamente a tre anni e quattro mesi di reclusione, dopo aver patteggiato la pena.

 

Durante l'udienza è stata accolta la richiesta di costituzione di parte civile dell'Associazione Provinciale Antiracket Antimafia e dello stesso imprenditore vittima, entrambi rappresentati dall'avvocato Angela Maralfa. "A tale risultato si è giunti attraverso un coraggioso atto di denuncia che è andato oltre a qualsiasi minaccia, oltre il terrore che può incutere anche il solo nome di un clan malavitoso contro cui si batte ogni giorno un fronte comune che ha radici solide di giustizia e legalità" spiegano dall'Associazione Antiracket. "La costituzione di parte civile dell'Associazione Provinciale Antiracket Antimafia di Molfetta è, anche in questo caso, un chiaro ed importante segnale di contrasto alle attività criminali" conferma il presidente Renato De Scisciolo, che esprime la sua totale soddisfazione per il lavoro costante e incessante finora svolto da iscritti e forze dell'ordine.

BitontoTV Staff

Commenti

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.