Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "3") AND (expires > '2019-08-24 14:47:17' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "2") AND (expires > '2019-08-24 14:47:17' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1

Bitonto Tv

Errore!

Nessun banners coincide con la richiesta


SELECT * FROM cms_module_banners WHERE (category_id = "1") AND (expires > '2019-08-24 14:47:17' or isnull(expires)) AND (max_impressions = 0 OR num_impressions < max_impressions) ORDER BY RAND() LIMIT 0,1
Cronaca e Attualità
04/02/2014

Guaina bruciata lungo la Sp 55

L'impermeabilizzante viene scaricato sulle piazzole di sosta. E poi dato alla combustione

Trasportata nelle aree di sosta delle arterie provinciali e poi bruciata. E' il destino delle guaina bituminosa, smaltita illecitamente nel territorio bitontino. Basta percorrere le diramazioni della Strada Provinciale 55, che collega Bitonto a Molfetta, per trovare ad ogni piazzola cumuli di guaina a cui è stato appiccato fuoco. L'alta frequenza con cui si rinviene questo tipo di rifiuti fa pensare a scaricatori "seriali" legati direttamente al mondo dell'edilizia. Che non si limitano a lasciare lo scarto ai lati della strada. Nella maggior parte dei casi, come detto, ai cumuli di guaina viene appiccato fuoco. Forse per non lasciare troppe tracce. Più probabilmente per occultare molti di quei riferimenti ad aziende o imprese che spesso vengono riportate nella parte sottostante delle lastre impermeabilizzanti. Producendo, però, numerosi danni. La combustione della guaina provoca spaccature sul manto stradale o cumuli di materiale chimico che, raffreddandosi, non si staccano più dall'asfalto. Senza contare dei danneggiamenti ai guard rail e ai muretti che delimitano la carreggiata.

La guaina bituminosa, proprio per la sua composizione, è considerata un rifiuto speciale per cui è opportuno un particolare ciclo di smaltimento i cui costi, per legge, devono ricadere sulle tasche delle imprese edili che ne fanno uso.

 

 

 

 

 

Passeggiando per le campagne circostanti la Sp 55 si scoprono anche altri scarichi ingegnosamente occultati. Lungo una strada vicinale che costeggia la provinciale è possibile trovare dell'amianto spezzato in numerosi frammenti e gettato tra i muretti in pietra che delimitano gli appezzamenti di terreno. Amianto che, così, è quasi impossibile riconoscere tra le rocce. Ma che diventa ancora più pericoloso per l'ambiente circostante: una volta frammentato è più alto il rischio che le polveri si disperdano nell'aria e, soprattutto, si vadano a depositare sugli alberi di ulivo presenti nella zona.

 

 

 

 

Savino Carbone

BitontoTV Staff

Commenti

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento


Codice nella foto:
Fare attenzione a Maiuscolo/minuscolo

Il tuo Nome(*):

Email(*):

Sito WEB:
Comprensivo di http://

Commento(*):
Inserendo il testo del messaggio e cliccando su invia, dichiari di aver letto ed accettato i termini del Regolamento per l'inserimento dei Commenti, consultabile alla omonima pagina in menu

*Campi Obbligatori

Testata giornalistica – Reg. stampa n.29/08 del 15/10/2008 Tribunale di Bari - Direttrice responsabile: Marica Buquicchio
Copyright © 2011 Francesco Paolo Cambione - via Solferino, 25 - 70032 Bitonto (Ba) - P.IVA 05064920720 | Supporto redazione e WebTV - THESIS s.r.l.