Il Comune di Bitonto guiderà la delegazione di PA Social agli Stati Generali della Comunicazione Pubblica

di La Redazione
Politica, Cronaca
16 ottobre 2018

Il Comune di Bitonto guiderà la delegazione di PA Social agli Stati Generali della Comunicazione Pubblica

A Venezia ci saranno l'assessorato al Weelfare e Andrea Foti

Sarà il Comune di Bitonto a rappresentare la delegazione pugliese di Pa Social, a Venezia il 18 ottobre in occasione degli Stati Generali della nuova Comunicazione Pubblica. Si tratta del primo evento italiano dedicato alle migliori esperienze di comunicazione pubblica tramite web, social network, chat e intelligenza artificiale, ideato e organizzato dall'associazione PA Social, conil Patrocinio della Regione del Veneto e la collaborazione di Digital Meet e AIRF - Associazione Italiana Reporter Fotografi.

A Venezia, si farà il punto sullo stato della nuova comunicazione in Italia attraverso la voce di molti professionisti, esperti e portando l'ispirazione di buone pratiche da tutto il Paese. Novità di questa edizione gli Stati Generali della Fotografia in cui si affronterà in un dibattito sull'uso dell'immagine e il loro rapporto con i social.

A rappresentare Pa Social Puglia, saranno: l'assessorato al Welfare del  Comune di Bitonto, Andrea Foti, dirigente Welfare del Comune di Bitonto e Damiano Minervini, presidente Innotec che nell'intervento dal  titolo "La comunicazione al servizio dei soggetti fragili per il monitoraggio e l'assistenza. Il caso del Comune di Bitonto e della cooperativa Innotec" illustreranno il progetto "PiùSicuri", che utilizza la tecnologia di Adamo."  Grazie a INNOTEC, il Comune di Bitonto punta forte sul concetto di assistenza alle persone in difficoltà; "tecnologico" perché sviluppa le potenzialità delle più moderne innovazioni con l'obiettivo di migliorare la vita delle persone. Ecco perché siamo orgogliosamente convinti che un progetto come "PiùSicuri", - aggiungono da Innotec-  basato sull'utilizzo dell'orologio salvavita Adamo, rappresenti un vero e proprio punto di snodo in direzione di una salute più smart. "SmartHealth", appunto. "SmartHealth" è lo step decisivo per pensare in maniera diversa l'assistenza e il monitoraggio della salute dei pazienti. "PiùSicuri" è il primo e rivoluzionario esempio di "SmartHealth" nella nostra città.

Il progetto PiùSicuri,  mette in azione  un servizio di telesoccorso e di telemonitoraggio evoluto al fine di supportare i soggetti fragili nella loro attività socio-assistenziale. Le funzionalità di telesoccorso e di telemonitoraggio vengono assicurate da un unico dispositivo integrato, indossabile, realizzato all'interno di un orologio di design, in grado di accompagnare in ogni momento della giornata il soggetto monitorato mediante una serie di parametri fisici ed ambientali. Le funzionalità di tele-monitoraggio evolute sono espletate dall'orologio e dalla stazione base, che, operando in modo congiunto sono in grado di fornire un insieme di allarmi e segnalazioni per gestire le diverse situazioni di potenziale pericolo presso l'abitazione dell'assistito.