Il consigliere Vaccaro chiede che Bitonto partecipi alla marcia PerugiAssisi per la Pace

di La Redazione
Politica
28 settembre 2018

Il consigliere Vaccaro chiede che Bitonto partecipi alla marcia PerugiAssisi per la Pace

Il dem: 'Scendiamo per strada in difesa della dignità e dei diritti umani'

Il consigliere comunale del PD, Antonella Vaccaro, ha chiesto che l’Amministrazione Comunale organizzi una delegazione per la marcia PerugiaAssisi per la Pace, in programma il prossimo 7 ottobre. La notizia è arrivata con una nota stampa che riporta la richiesta: “Prendendo spunto dalle buone prassi messe in atto dalle precedenti amministrazioni comunali, rivolgo all’amministrazione l’invito ad impegnarsi nel promuovere la formazione di una delegazione comunale che partecipi alla suddetta marcia”

Secondo Vaccaro, la delegazione dovrà coinvolgere “scuole e associazioni e un delegato istituzionale in rappresentanza della Città a sostegno di una lodevole iniziativa”. L’impegno ad Assisi sarebbe pienamente “In linea con quanto già fatto in questi anni, l’impegno profuso con Avviso Pubblico, la collaborazione con Libera e non ultima, l’approvazione del provvedimento di conferimento della cittadinanza simbolica ai minori figli di stranieri nati in Italia, questa è una buona occasione per portare la testimonianza di una Città che resiste, che respinge l’odio, l’indifferenza, la guerra e soprattutto, che ripudia le mafie”. “Scendiamo per strada in difesa della dignità e dei diritti umani” è l’invito del consigliere. 

Nata nel 1961, la marcia PerugiaAssisi è arrivata alla 23esima edizione. Questa edizione sarà dedicata alla riflessione sulle disuguaglianze civili ed economiche: “le crisi economiche generano paure e razzismo, il controllo delle risorse energetiche e naturali generano nuove guerre, il profitto di pochi genera la povertà dei molti, la democrazia viene umiliata e corrotta dalla finanza speculativa e dalle mafie, il lavoro perde la sua dimensione sociale, aumenta la produzione di armi e l’insicurezza. Il tema delle migrazioni, oggi al centro dell'attenzione mediatica e politica, è strettamente collegato con la questione della pace, con il rispetto dei diritti umani universali, con il ruolo del multilateralismo, con la realizzazione del progetto dell'Europa pensata a Ventotene, con il superamento dei sovranismi e dei nazionalismi, con un economia sostenibile, con mercati regolati e lavori dignitosi per tutti e per tutte”