Il Bitonto giocherà nel girone di Taranto e Fidelis Andria

Massimiliano Dilettuso
di Massimiliano Dilettuso
Sport
31 agosto 2018

Il Bitonto giocherà nel girone di Taranto e Fidelis Andria

Parte in salita l'avventura Serie D. E fra pochi giorni il big match con il Bari

Tempo ce n’è voluto, ma Bitonto è tornata a far parte del tradizionale girone H del campionato di Serie D: dopo otto anni di agonia – trascorsi nelle categorie inferiori – il calcio nostrano torna ad occupare un posto nel massimo torneo dilettantistico nazionale.

Nella giornata di ieri, quando si è tenuta la presentazione dei gironi della Lega Nazionale Dilettanti, l’USD Bitonto Calcio, il sodalizio che ha raccolto l’eredità sportiva dell’U.S. Bitonto 1921 e dell’Omnia Bitonto, ha conosciuto i nomi delle 17 squadre che affronterà nella prossima Serie D 2018/2019.

Audace Cerignola, Città di Fasano, Gravina, Nardò, Taranto, Fidelis Andria e Team Altamura sono le sette compagini pugliesi presenti nello stesso raggruppamento della società presieduta da Francesco Rossiello; otto sono le campane: Pomigliano, Sorrento, Città di Gragnano, Gelbison Vallo della Lucania, Sarnese, Nola e Savoia; due le lucane: Francavilla e AZ Picerno.

Un girone sicuramente insidioso, quello che vedrà i ragazzi di Massimo Pizzulli protagonisti, perché composto da diversi team blasonati con un passato tra i professionisti, come Taranto e Fidelis Andria (lo scorso anno in Serie C, ndr), ma anche da compagini che conoscono molto bene la categoria – e in particolare il girone H – come l’Audace Cerignola, il Pomigliano (che nel 2007/2008 perse il primo turno dei play-off col Bitonto , ndr), il Città di Gragnano o la Sarnese.

“Ci aspettavamo il girone H, sarebbe stato sorprendente se fossimo stati inseriti in un altro raggruppamento diverso da questo, che storicamente rappresenta uno dei gironi più forti della Serie D – ha dichiarato il direttore generale dell’USD Bitonto Calcio Francesco MancazzoCi confronteremo con realtà del territorio pugliese e campano che hanno una certa storia, a partire dal Taranto, dall’Andria a finire al Cerignola, al Francavilla, alle numerose squadre campane che hanno tanti anni di Serie D alle spalle. Tutte squadre blasonate, con una certa organizzazione e storicità”. 

Il 16 settembre è la data scelta per l’inizio ufficiale del campionato, ma sette giorni prima – il 9 settembre – i neroverdi guidati da Massimo Pizzulli affronteranno il Bari nella prima gara ufficiale della stagione. Il match, valevole come turno preliminare della Coppa Italia di Serie D, si disputerà al “San Nicola” e – salvo sorprese dell’ultima ora – sarà l’unico confronto in programma tra neroverdi e biancorossi, proprio perché questi ultimi sono stati collocati nel girone I con le squadre calabresi e siciliane.

Una decisione nata per motivi di ordine pubblico, poiché oltre alla società di De Laurentis è presente in Serie D, quest’anno, anche l’Avellino, la cui tifoseria è da tempo acerrima nemica di quella del capoluogo pugliese. Quindi, la Lega ha optato per lo spostamento di entrambe le squadre: l’Avellino giocherà nel girone G, mentre il Bari eviterà lo scontro anche con le altre pugliesi e popolerà il girone I.