Il prossimo 31 luglio Bitonto dedicherà una intera serata alla focaccia

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
20 luglio 2018

Il prossimo 31 luglio Bitonto dedicherà una intera serata alla focaccia

Un Galà per il piatto tipico della tradizione barese, dalla storia centenaria

Il prossimo 31 luglio, dalle ore 20:00, Bitonto celebrerà uno dei sui must culinari da sempre apprezzati. Il Galà della Focaccia, organizzata dal Parco delle Arti in collaborazione con il Nuovo Gal Fior d’Olivi, offrirà la degustazione dei prodotti tipici della cucina bitontina, ma il piatto forte sarà proprio la focaccia. 

Certo la nostra città può vantare, tra le altre preziose testimonianze delle epoche che si sono succedute, due forni che sono istituzioni storiche del gusto e conosciute da chiunque viva nel borgo antico. Sono senz’altro il Forno di San Giovanni e il Forno Antico, due luoghi che è riduttivo definire semplicemente panifici e che sono quel che resta di secoli di tradizioni fornaie e culinarie. 

Gli alti forni in pietra, che riescono a scaldarsi fino a raggiungere gli 800 gradi, sono attivi e sfornano, secondo la tradizione, dal Medioevo. Nel Forno di San Giovanni, condotto da Rosa ed Enza Marinelli, con loro padre che ancora le guida, il pane si cuoce come si faceva un tempo. Gli impasti che ogni famiglia prepara vengono cotti tutti insieme nel grande forno. Gestito da Cesare Carlucci, il Forno Antico, che si vorrebbe aperto dal 1261, si nasconde nella acropoli dell’antica polis greca che era Bitonto. C’è chi poi, come Bove, ha legato il nome di famiglia ad un panificio storico, diventato sinonimo di altissima qualità gastronomica. 

D’altronde la focaccia, che nasce come un piatto della tradizione povera - per prepararla servono ingredienti alla portata di tutti, come farina, sale, olio extravergine e pomodori -, rappresenta virtù e potenza di una comunità con origini contadine e, se oggi è impensabile un break senza un pezzo di “ruota”, ieri erano le massaie a dedicare qualche ora della domenica per preparare uno dei piatti immancabili dei giorni di festa. 

Tra i main sponsor dell’iniziativa, i cui dettagli saranno resi noti nei prossimi giorni, “Sapori della Murgia”. Non possiamo quindi perdere l’occasione di assaggiare le specialità, in cui storia, tradizioni e cucina si fondono e rinnovano a ogni lievitazione. E come dice il proverbio, non c’è cibo di re più gustoso del pane.