Giovedì prossimo il Consiglio Comunale discuterà la proposta di conferimento di cittadinanza simbolica ai minori nati da stranieri

di La Redazione
Politica, Cronaca
07 luglio 2018

Giovedì prossimo il Consiglio Comunale discuterà la proposta di conferimento di cittadinanza simbolica ai minori nati da stranieri

Dopo una lunga gestazione, il dispositivo arriva nella massima assise cittadina

Alla fine sarà discussa. Dopo una serie di rinvii, la proposta di conferimento della cittadinanza simbolica ai minori nati da genitori stranieri e residenti a Bitonto è stata calendarizzata e inserita nell’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale, in programma il 12 luglio.

La conferma è arrivata con la pubblicazione della convocazione del presidente Vito Labianca. I consiglieri si confronteranno sul provvedimento, che, rimasto sostanzialmente invariato dalla versione illustrata qualche tempo fa da BitontoTV, dovrà essere adottato come atto di indirizzo, sottoposto all’attenzione della presidenza da ben undici componenti, su tutti Francesco Brandi di Città Democratica - il movimento politico che per primo ha ufficialmente rilanciato l'idea in città - e Antonella Vaccaro del Partito Democratico. Non dovrebbero esserci problemi, dunque, per l’approvazione del dispositivo, considerato che, lo scorso febbraio, quasi tutti i gruppi consiliari si erano detti favorevoli.

Secondo i dati in possesso dell’Ufficio Anagrafe locale (aggiornati al 31 dicembre 2017), i potenziali destinatari del provvedimento sono 180 minori, di cui 118 nati in Italia. Si tratta di giovani di origine nigeriana, ghanese, marocchina, libica, tunisina, algerina, sierraleonese, camerunese, somala, eritrea, mauritiana, cinese, iraniana, irachena, rumena, polacca, ucraina, serba, russa, albanese, croata, macedone, kosovara. Tra i minori censiti dagli uffici di Palazzo Gentile, anche quelli di etnia rom residenti nei campi alle periferie della città.