Il Consiglio pronto a conferire la cittadinanza simbolica ai minori nati a Bitonto da genitori stranieri

di La Redazione
Politica
17 maggio 2018

Il Consiglio pronto a conferire la cittadinanza simbolica ai minori nati a Bitonto da genitori stranieri

C'è la proposta di delibera: 'Un segnale di civiltà da una terra pronta alla pace'

Presto il Consiglio Comunale sarà chiamato a deliberare sulla proposta di conferimento della cittadinanza simbolica ai minori nati a Bitonto da genitori stranieri. Nelle scorse settimane è stata elaborata la proposta di deliberazione, che molto probabilmente sarà discussa già durante la prossima assemblea. 

Il dispositivo, che avrebbe ricevuto larghi consensi già nelle commissioni (a conferma delle intenzioni palesate già dai gruppi consiliari in una serie di interviste realizzate a febbraio da BitontoTV, quando si iniziò a discutere sul tema), prevede il “riconoscimento simbolico della cittadinanza italiana a tutti i minori nati a Bitonto  da genitori stranieri, che risultano residenti a Bitonto e che non sono in possesso della cittadinanza Italiana”.

Si tratta di un’azione puramente simbolica, che ricalca le azioni adottate già da altri Comuni (da ultimo quello di Acquaviva), volta a dare “un segnale di civiltà da questa terra designata dall’ulivo pronta alla pace”, in risposta al Parlamento, che durante la scorsa legislatura non è riuscito ad approvare la legge sullo ius soli. “Il conferimento simbolico - spiega la proposta di delibera - non supplisce giuridicamente al riconoscimento dello ius soli e ha quindi valore simbolico, culturale, sociale in quanto indica chiaramente la volontà, da una parte, di formalizzare l’accoglienza e promuovere percorsi di inclusione, e dall’altra di condividere regole e leggi che ogni abitante di una comunità è tenuto a rispettare”.

Come ad Acquaviva, il Consiglio Comunale si rifarà al concetto di “Città amica delle bambine e dei bambini”, formulato dall’Unicef, “per cui la finalità è migliorare, ora, la vita dei bambini, riconoscendo e realizzando i loro diritti, e trasformarla per costruire comunità migliori oggi e in futuro”.

Qualora l’assise dovesse approvare l’istituto, la cittadinanza simbolica sarà conferita durante una cerimonia pubblica che si terrà, molto probabilmente, a Palazzo Gentile, sede del Municipio. Bitonto sarebbe uno dei primissimi Comuni del barese ad adottare una misura di questo genere.