I Carabinieri hanno arrestato un maresciallo della Finanza che aveva promesso di ammorbidire le indagini sull'affaire Cerin

di La Redazione
Cronaca
05 aprile 2018

I Carabinieri hanno arrestato un maresciallo della Finanza che aveva promesso di ammorbidire le indagini sull'affaire Cerin

In cambio chiedeva denaro. La denuncia è arrivata direttamente dai Colapinto

Nella tarda mattinata di giovedì militari del Comando Provinciale Carabinieri di Bari – Nucleo Investigativo e della Compagnia Carabinieri di Bari San Paolo, assieme ai militari della Guardia di Finanza - Sezione di Polizia Giudiziaria, hanno proceduto all’arresto di Giuseppe Priore, maresciallo della Guardia di Finanza in servizio alla Tenenza di Bitonto, colto in flagranza del reato di concussione ai danni di Giuseppe Colapinto.

L’attività d’indagine è stata avviata in seguito alla denuncia dello stesso Colapinto, che - sulla base di accertamenti svolti dalla stessa Tenenza di Bitonto con attiva partecipazione dello stesso maresciallo - nel mese di febbraio 2016 era stata sottoposta alla misura cautelare degli arresti domiciliari per il reato di peculato continuato connesso ad operazioni svolte da CE.R.IN s.r.l., società esercente l’ attività di riscossione ed accertamento di tributi in Bitonto ed altri comuni

Colapinto ha riferito a militari dell’Arma della richiesta formulata da Priore, portatosi quella stessa mattina presso la sua abitazione, di una somma di denaro – prima 5.000 euro, poi ridotti a 3.000 – per “addomesticare” le indagini patrimoniali in corso di svolgimento da parte della Tenenza di Bitonto su delega della Procura della Repubblica di Bari.

L’immediata predisposizione di attività d’indagine – con servizi dinamici di pedinamento ed osservazione e con operazioni tecniche di intercettazione – ha consentito l’arresto in flagranza,  dopo la consegna della somma di denaro, avvenuta in un bar di Bari. L’operazione era stata preventivamente concordata con i militari operanti che avevano proceduto anche ad effettuare copia delle banconote.