Asmae Dachan presenta il romanzo 'Il silenzio del mare'

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
23 marzo 2018

Asmae Dachan presenta il romanzo 'Il silenzio del mare'

La giornalista italo-siriana ospite oggi alla Galleria Devanna. Durante il dibattito interverrà il direttore di BitontoTV, Savino Carbone

Asmae Dachan, giornalista e scrittrice siriana, presenterà questo pomeriggio il suo romanzo “Il silenzio del mare”, una storia che attinge alla drammatica realtà della guerra in Siria. La giornalista e scrittrice italo-siriana sarà ospite della Galleria Nazionale della Puglia a Bitonto, a partire dalle ore 18:00.

Il romanzo parla di due fratelli, Fadi e Ryma, che si uniscono al movimento pacifista che nasce segretamente nei campus universitari e che coinvolge giovani e lavoratori, iniziano un impegno attivo per la difesa dei diritti umani, sognando che la Siria riacquisti la libertà e si affranchi dall'oppressione della dittatura, siamo nel 2011 e il loro sogno svanisce in breve. Scoperti e minacciati dal regime, sono costretti a fuggire dalla repressione che presto si trasforma in una feroce guerra, a cui si aggiunge l'orrore del terrorismo. Si imbarcano in Libia, alla volta dell'Italia, ma durante la traversata accade una tragedia e Fadi arriva a terra da solo. Il destino di Ryma resta avvolto dal silenzio del mare. In Italia il giovane siriano viene accolto da un pescatore e da una giovane dottoressa. I loro destini si intrecciano in modo inaspettato. Ognuno cerca nell'altro le risposte ai suoi perché, e mentre in Siria si continua a morire, un evento inatteso sconvolge la nuova vita di Fadi e dei suoi amici.

Dialogherà con l’autrice Benedetto Sorino, ex caposervizio esteri de “La Gazzetta del Mezzogiorno”. La serata sarà introdotta da Chiara Cannito, vicepresidente della cooperativa Ulixes e autrice della graphic novel-racconto “‘Arkad, Corro”, da Rossella Matarrese, consigliere dell’Ordine dei Giornalisti, e da Savino Carbone, direttore di BitontoTV. L’evento è valido per la formazione degli iscritti all’Ordine dei Giornalisti.