A Casa Turturro un altare con le riproduzioni delle Statue del Venerdì Santo

Federica Monte
di Federica Monte
Video, Settimana Santa 2018
28 marzo 2018

L'intervista realizzata da Federica Monte

Siamo abituate a vederle sfilare durante le processioni del Venerdì Santo, mai in bella mostra nel salotto di casa. A Casa Turturro le Statue dei Misteri, la “Naka”, l’Addolorata e il Legno Santo sono diventate delle piccole e fedelissime riproduzioni che, insieme, compongono un altarino dedicato alla Passione di Cristo.

Una passione che si trasmette di padre in figlio, da Pasquale a Benito, maestro, con una importante formazione bandistica locale, che ha raccontato a BitontoTV la storia dell’altarino.

"Da bambino frequentavo la Chiesa di San Domenico, questi santi erano i miei santi. La tradizione legata alla Passione mi ha sempre affascinato e col tempo ho desiderato avere per me le riproduzioni - ha spiegato Benito - È un modo per non perdere il legame con il passato e soprattutto con la fede. Ci è voluto impegno, anche economico. Ma l'ho fatto con devozione. Tra tutte le statue, forse quella che mi rende più orgoglioso è la riproduzione del Legno Santo del 2011, perché è stata interamente realizzata dalla mia famiglia”.