Abbaticchio dopo l'audizione al MiBACT: 'La cultura come spazio di inclusione'

di La Redazione
Cultura e Spettacoli, Video
06 febbraio 2018

Ieri la delegazione bitontina ha presentato il progetto per la Capitale Italiana della Cultura 2020

È soddisfatta la delegazione bitontina che ieri ha partecipato alle audizione di MiBACT per presentare il progetto di Bitonto Capitale Italiana della Cultura 2020. La città è stata rappresentata dal sindaco Michele Abbaticchio, dall’assessore Mangini, da Marino Pagano del Centro Ricerche, Chiara Cannito, nonché dai rappresentanti delegati per Regione Puglia e Città Metropolitana di Bari, Aldo Patruno e la consigliera Francesca Pietroforte. 

“Con mio grande stupore al termine dell’audizione abbiamo avuto i complimenti di un componente della commissione” ha spiegato Michele Abbaticchio all’inviato di BitontoTV, Gabriele Labianca. Determinante, a detta del primo cittadino, “aver mostrato la logica di sistema” per una cultura come spazio di inclusione e incontro per chi vive contesti di disagio sociale, seguendo “la lezione di Peppino Impastato”.

Per Aldo Patruno, del Dipartimento Cultura e Valorizzazione del Territorio regionale, si tratta di “un progetto importante, non estemporaneo, frutto di una mobilitazione sul territorio, sull’idea di fare rete, perfettamente in linea con le linee di programmazioni regionali e nazionali”

La delegazione è rientrata nella serata di ieri, assieme a quelle di Agrigento, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso. In attesa della cerimonia di premiazione prevista per il prossimo 16 febbraio, sempre nelle sedi del MiBACT.