Piano Minniti: i numeri dell'attività di controllo della Polizia

di La Redazione
Cronaca
13 gennaio 2018

Piano Minniti: i numeri dell'attività di controllo della Polizia

Fermi, denunce, perquisizioni, tre piazze dello spaccio smantellate

Sono ore intense per le forze dell’ordine impegnate a Bitonto dopo i tragici fatti dello scorso 30 dicembre. Il piano Minniti, che ha portato in città un centinaio di agenti in supporto alle forze dell’ordine del territorio, procede spedito con l’obiettivo di assicurare alla giustizia il commando che ha freddato per errore Anna Rosa Tarantino e di smantellare le principali piazze di spaccio. 

Solamente la Polizia di Stato, secondo quanto fa sapere la Questura, ha eseguito, negli ultimi giorni, circa 150 posti di controllo volti a presidiare il territorio, in cui sono stati identificate oltre 1300 persone, di cui circa 550 pregiudicati.

La prima attività su strada ha permesso di fermare 463 veicoli, procedendo al sequestro Amministrativo di circa 15 veicoli, contestando quasi 50 violazioni al codice della strada; inoltre sono stati ritirati altrettanti documenti di circolazione e rinvenuti 4 veicoli di provenienza furtiva; con il sistema Mercurio sono stati inoltre effettuati oltre 7000 controlli automatizzati. 

Circa 50 le perquisizioni ad oggi eseguite tra quelle personali e domiciliari, sia alla ricerca di armi che di droga a carico di altrettanti pregiudicati, nell’ambito delle quali sono stati eseguiti svariati sequestri penali e contestate sanzioni amministrative per detenzione a fini personali di sostanze stupefacenti. Sono stati controllati, inoltre, 24 esercizi pubblici, tra cui, in un circolo ricreativo, e numerose abitazioni dei pregiudicati sottoposti a misure restrittive.

Se alle attività della PdS guidata da Fabrizio Gargiulo si sommano le operazioni svolte dai Carabinieri e Guardia di Finanza, i numeri aumentano: diversi i fermi e le denunce, nonché lo stupefacente sequestrato. In più gli agenti hanno smantellato tre piazze dello spaccio, concentrate tra via San Luca e i dintorni di Porta Robustina, incredibilmente organizzate, con l’utilizzo di diverse telecamere sparse nei vicoli