L'assessore Rino Mangini spiega perchè scegliere Bitonto come Capitale Italiana della Cultura 2020

di La Redazione
Cultura e Spettacoli, Video
25 gennaio 2018

Una lunga intervista concessa a BitontoTV. A febbraio le audizioni al Ministero

Bitonto è tra i dieci Comuni che concorreranno per il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2020. In una intervista esclusiva, l’assessore Rocco Rino Mangini spiega a BitontoTV tutti i segreti del dossier valutato positivamente dal MiBACT: dalla rete dei festival sino ai grandi riti della fede.

Nella lunga intervista, il delegato comunale illustra tutte le iniziative in programma nei prossimi giorni per continuare a promuovere la città, in attesa della proclamazione della Capitale, in programma il prossimo 16 febbraio. 

Intanto il sindaco Michele Abbaticchio ha annunciato la data dell’audizione al Ministero. Lunedì 5 febbraio il primo cittadino, accompagnato da una delegazione bitontina, illustrerà al MiBACT il progetto completo di Bitonto Capitale Italiana della Cultura 2020. “Insieme a noi, verranno la Regione Puglia e la Città Metropolitana di Bari con i loro vertici dirigenziali, nel settore turistico e culturale - ha annunciato il Sindaco - Per sottolineare che l'unica città pugliese (e del Mezzogiorno, isole escluse) non rappresenta la sua sola candidatura ma quella di un'offerta culturale integrata, in rete, di una regione intera. Sia anche la sfida della cultura che riscatta il profondo Sud contro i luoghi comuni e il coinvolgimento dei ragazzi a rischio di esclusione sociale. La nostra vittoria sarà soprattutto questa perché nulla sarà più come prima, visto che Bitonto è comunque ambasciatrice pugliese fino al 2020: comunque vada attueremo la nostra proposta”.