Il ministro Franceschini su Bitonto: 'La mafia si combatte investendo in bellezza e conoscenza'

di La Redazione
Cronaca
02 gennaio 2018

Il ministro Franceschini su Bitonto: 'La mafia si combatte investendo in bellezza e conoscenza'

Il capo del Mibact ribadisce l'importanza delle politiche culturali locali

"La cultura è il migliore antidoto alla violenza e alla criminalità". Così il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, è intervenuto sull'omicidio che ha scosso la comunità di Bitonto dove - ha sottolineato - "negli ultimi anni abbiamo assistito a una rinascita civile che ha visto nell'investimento culturale il suo elemento centrale"

"Dopo i vili attacchi terroristici al Bataclan - ha ricordato il ministro - con il governo Renzi prendemmo una decisione netta: al potenziamento degli investimenti in sicurezza doveva corrispondere il potenziamento degli investimenti in cultura perché è importante difendere le persone, difendere le città ma è anche fondamentale investire in conoscenza. La crescita culturale e civile sono il migliore antidoto alle violenze e all'illegalità"

"La riposta del sindaco Abbaticchio e dell'intera comunità di Bitonto - ha concluso il ministro - ci confermano che queste scelte valgono anche a livello locale e che la mafia, come il terrorismo, si combatte anche investendo in bellezza e conoscenza”.

 

Nelle scorse ore anche Alberto Losacco, deputato molto vicino al ministro, ha detto la sua in una nota stampa. “Con Bitonto mi lega un rapporto speciale. Ho seguito da vicino, in questi anni, tutto il lavoro per renderla un centro attrattivo dal punto di vista turistico-culturale a cominciare dalla riqualificazione del centro storico - ha commentato l’onorevole - È una realtà con mille potenzialità, non a caso è candidata a capitale italiana della cultura. Tutto questo rende ancor più inammissibile quanto successo. Importante e da sostenere l’invito del sindaco Michele Abbaticchio che ha chiesto ai ragazzi uno scatto d’orgoglio per la loro città assieme all’intervento massiccio delle forze dell’ordine per debellare una volta per tutte questa piaga. Non c’è più un solo minuto da perdere”.