L'arte come terapia per patologie psichiatriche. L'esperimento di Anthropos

di La Redazione
Cultura e Spettacoli, Video
06 dicembre 2017

Ieri alla Galleria 'Devanna' una mostra delle opere degli ospiti dei vari centri

Migliorare la qualità di vita delle persone affette da Alzheimer e patologie psichiatriche grazie all’ausilio dell’arte è possibile. Lo conferma l’esperimento promosso dalla cooperativa Anthropos, da anni attiva nel settore della cura e della riabilitazione psichiatrica, che, in occasione della Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilitò, ha promosso l’iniziativa “AbilitArte. L’arte per tutti”, in collaborazione con la Galleria Nazionale delle Puglia "Girolamo e Rosaria Devanna”.

Durante la giornata di ieri, nei saloni del piano terra della Galleria, è stata allestita una mostra con i lavori realizzati dagli ospiti delle strutture gestite dalla cooperativa. Dipinti, schizzi, fotografie frutto di un lungo lavoro che ha interessato direttamente gli utenti affetti da psicosi e nevrosi, che hanno trovato nell’arte un linguaggio universale, in grado di dare sollievo e serenità. Un esperimento di cromoterapia che ha sortito incredibili effetti, come nel caso di Donato, intervistato da BitontoTV, che vive la pittura come “un’avventura” e che dipingendo prova le stesse sensazioni date dall’”amore di una donna”

Nell’ambito dell’evento gli ospiti delle strutture hanno potuto visitare, assieme agli operatori e alla presidente Maria Pia Cozzari, i saloni della Galleria, potendo godere delle importante opere esposte.