Bitonto e i suoi abitanti diventano dei meme. Il fenomeno di una pagina Instagram

Massimiliano Dilettuso
di Massimiliano Dilettuso
Cultura e Spettacoli
19 dicembre 2017

Bitonto e i suoi abitanti diventano dei meme. Il fenomeno di una pagina Instagram

Gli ideatori: 'La satira può portare ad una accurata riflessione su un problema'

Si chiama “Le Puttanate a Bitonto City” l’ultima trovata del web che tratta della città di Bitonto. Nata alcune settimane fa, la pagina Facebook – ora presente anche su Instagram– ha riscosso in poco tempo un successo notevole: 105 “mi piace” sulla nota piattaforma fondata da Mark Zuckemberg e ben 800 seguaci su Instagram. Dati davvero sorprendenti per la neonata realtà virtuale bitontina che, con i suoi peculiari meme (vignette satiriche, ndr) in cui si evidenziano le particolarità di Bitonto, ha ottenuto parecchi consensi dagli utenti che popolano i social network.

 

Un post condiviso da LeputtanateaBitontocity (@leputtanateabitontocity) in data: 3 Dic 2017 alle ore 07:43 PST

Non è la prima volta che dei concittadini decidano di usufruire della propria creatività per sottolineare, in modo ironico, le gaffe e le défaillance della nostra città; ma ciò che ha spinto i fondatori de “Le Puttanate a Bitonto City” a dar vita a questo simpatico progetto è, soprattutto, il loro affetto per Bitonto: “Vista la popolarità di diverse pagine sui social network che trattavano argomenti seri ma con una leggerezza tale da consentire a chiunque di riderci sopra, ci è sembrato opportuno creare una pagina che trattasse gli argomenti della nostra amata città visto che, di fatto, è al di fuori degli schemi dei comuni italiani”, spiegano ai taccuini di BitontoTV.  

“Abbiamo iniziato per gioco e non ci mai aspettati un successo del genere – proseguono le menti del progetto – ma, vista la popolarità raggiunta, abbiamo sentito l’esigenza di creare qualcosa che potesse portare i cittadini e noi ragazzi, in primis, a riflettere su problematiche della città”.

 

Un post condiviso da LeputtanateaBitontocity (@leputtanateabitontocity) in data: 10 Dic 2017 alle ore 14:09 PST

 

Gli ideatori de “Le Puttanate a Bitonto City” tengono a precisare come la loro pagina abbia uno scopo ben preciso: “La satira, se fatta bene e per come la intendiamo noi, può portare non solo ad una semplice risata, ma anche ad una accurata riflessione su un problema che riguarda Bitonto, evitando però di sfociare in una critica vera e propria”. Tuttavia, nonostante la popolarità raggiunta tra i giovani bitontini che bazzicano tra Facebook e Instagram, i gestori della pagina preferiscono rimanere anonimi perché “la satira non piace a tutti e, di conseguenza, per evitare pregiudizi o situazioni poco consone alle nostre persone, abbiamo preso questa decisione di cui tutt'ora non ci pentiamo”. 

 

Un post condiviso da LeputtanateaBitontocity (@leputtanateabitontocity) in data: 12 Dic 2017 alle ore 04:57 PST

Tra una vignetta e l’altra, pubblicate quotidianamente, a sottolineare la popolarità di Bitonto grazie, per esempio, alle diverse piazze di spaccio di marijuana presenti in loco, ai vari furti di automobili, alle baruffe tra ragazzi o ai locali ubicati nel centro storico, i fondatori fanno sapere: “Siamo ragazzi, pensiamo solo alla crescita della pagina e a riuscire a strappare una risata a coloro che ci seguono affrontando argomenti comuni della nostra città. L’unico probabile progetto per il futuro sarebbe avviare delle piccole collaborazioni con dei locali bitontini, già citati in alcuni post, di cui abbiamo grande stima e rispetto”.