Weekend di musica a Bitonto con Ron

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
29 novembre 2017
Photo Credits: Lisa Fioriello

Weekend di musica a Bitonto con Ron

Venerdì la presentazione dell'autobiografia, sabato il concerto al Traetta

Dopo il concerto in piazza durante le feste patronali di due anni fa, Ron torna a Bitonto nel weekend per due appuntamenti al Teatro Traetta

Il tour 2017 “La forza di dire sì”, farà tappa in città sabato 2 dicembre, per un concerto nel magnifico teatro cittadino, per la rassegna di prosa promossa dal Comune di Bitonto e dal Teatro Pubblico Pugliese. La prenotazione e l’acquisto dei biglietti è aperta presso il botteghino del Traetta, dal martedì al venerdì, dalle ore 18:00 alle ore 20:00. Infoline 0803742636.

Venerdì 1 dicembre, invece, Rosalino Cellulare presenterà il suo libro “Chissà se lo sai”, autobiografia edita da Piemme, in un evento aperto al pubblico, sempre in Teatro, a partire dalle ore 20:00. “Questo libro nasce dall’incontro fra Rosalino Cellamare e Ron -  si legge nella quarta di copertina - E a ogni pagina si ride, si riflette, si fa memoria della storia d’Italia e della sua cultura, si resta coinvolti nell’intimo, come quando lo si ascolta cantare dal palco Piazza Grande, Joe Temerario, Non abbiam bisogno di parole, Attenti al Lupo...

Rosalino, che fin da bambino amava cantare ai concorsi canori accompagnato da papà, racconta della sua amatissima famiglia, della piccola Garlasco lasciata e poi ritrovata dopo il successo, della gavetta, dei tanti amici e di quel Dio a lungo invocato e cercato attraverso tortuosi percorsi spirituali”.

Nato a Dorno, in provincia di Pavia, il 13 agosto del 1953, Ron è uno dei più amati cantautori italiani Fin da ragazzino manifesta un'innata passione per la musica. E fin da allora la sua carriera è costellata di successi, esperienze e collaborazioni. Nel 1970, a sedici anni, sale sul palco del Festival di Sanremo insieme a Nada, conquistando il settimo posto con Pa' diglielo a ma'. Nel 1971 suscita attenzione la sua partecipazione al Disco per l'estate con il brano Il gigante e la bambina, con un testo in parte censurato. La sua carriera come autore comincia nel 1972, quando scrive la musica di Piazza Grande, presentata poi a Sanremo da Lucio Dalla. Restano indimenticabili alcune canzoni: Non abbiam bisogno di parole, Anima, Joe Temerario, Vorrei incontrarti fra cent'anni, Attenti al Lupo. Negli anni ha collaborato con artisti del calibro di Gianni Morandi, Fiorella Mannoia, Loredana Berté, Anna Oxa, Biagio Antonacci, Tosca, Milva, Ornella Vanoni.