'Vedi che…', la diversità è una ricchezza

Federica Monte
di Federica Monte
Cronaca, Cultura e Spettacoli, Video
24 ottobre 2017

Sabato l'evento dedicato alla disabilità organizzato da Uì Together, LeZZanZare e Road

“Siamo tutti bloccati dalla paura del giudizio altrui, c’è bisogno di mettersi in gioco, proponendo esempi”. È nata così l’idea di “Vedi che…”, la manifestazione tenutasi sabato scorso in Piazza Cavour e dintorni, promossa dalle associazioni Uì TogetherLeZZanZare e Rete Organizzazioni Area Disabilità - ROAD che ha coinvolto i cittadini bitontini di tutte le età. 

Sport “in gamba”, da praticare in sedia a rotelle, un apericieco e una stanza sensoriale da provare bendati, attività aperte a tutti, con lo scopo di superare il concetto di “diversità”, perché come ha spiegato Marilena Ciocia “la diversità diventa ricchezza nel momento in cui si palesa, si riesce a raccontarla”.

Un evento che ha toccato la sensibilità dei partecipanti, perché durante la quotidianità, difficilmente si riesce a guardare la vita in una prospettiva diversa. Illuminante la stanza sensoriale alla quale si accedeva bendati, con lo scopo di percepire con l’olfatto i diversi frutti o ingredienti scelti per l’occorrenza. Il gioco è stato guidato da Antonio e Rossella, ipovedenti dalla nascita.  La diversità terrorizza, allontana, spaventa, allora occorre aprirsi ad esperienze empatiche per vincere la sfida dell’inclusione dei diversabili.

La manifestazione ha visto la partecipazione anche di Leo Baccarella e Tommy Rossano in un concerto per sole orecchie, mentre alle 22.00 si è svolto il Diversity Faschion Night con una sfilata sulla terrazza del Torrione Angioino. Ha suonato per tutto il giorno, accompagnando le attività DsabileJ, un ragazzo con difficoltà motorie divenute invisibili dietro la consolle da dj.