Arena Rogadeo chiude con 'L'infinita fabbrica del Duomo'

di La Redazione
Cultura e Spettacoli, Video
14 settembre 2017

Arena Rogadeo chiude con 'L'infinita fabbrica del Duomo'

Appuntamento questa sera alla Biblioteca Comunale

Ultimo incontro per “Arena Rogadeo – Cantieri del cinema, dei luoghi e dei linguaggi”, rassegna cinematografica organizzata dall’associazione culturale Just Imagine all’interno della programmazione estiva del Comune di Bitonto, in collaborazione con il Parco delle Arti e la Federazione Italiana Cineforum.

Questa sera, a partire dalle ore 20.45, appuntamento con “L’infinita fabbrica del Duomo” (2015, Locarno Film Festival 2015 - Signs of Life) di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, che sarà proiettato presso la Biblioteca comunale “E. Rogadeo”.

I due autori, sperimentatori indipendenti, operano nel cantiere sempre aperto del documentario di creazione, libero nel suo divenire di farsi istantanea e memoria dei luoghi indagati. Luoghi sovente misterici, in cui passato e presente si sospendono come accade nella secolare impresa di edificazione e conservazione del monumento simbolo di Milano.

L'infinita fabbrica del Duomo, di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti TRAILER from Lab 80 film on Vimeo.

L’infinita fabbrica del Duomo” racconta la storia della nascita e del continuo mantenimento del Duomo di Milano attraverso i secoli. Primo atto della quadrilogia Spira Mirabilis che affronta il concetto di immortalità attraverso gli elementi della natura, “L’infinita fabbrica del Duomo” rappresenta l’elemento della terra. Attraverso una prospettiva poetica e dal forte impatto visivo, il film segue le fasi e i lavori che la conservazione del Duomo richiede: dall’estrazione del marmo, al cantiere marmisti, all’Archivio storico, alla Cattedrale stessa. Marmisti, muratori, carpentieri, fabbri, restauratori, orafi: questa straordinaria, ma costante concentrazione di attività è filmata alla luce della sacralità di un monumento che vive di tempi, ritmi, calendari, aspirazioni che si fondono e trascendono il lavoro umano e assume così un nuovo valore simbolico.

La serata sarà aperta con i saluti istituzionali di Michele Abbaticchio, sindaco di Bitonto, Federica Fiorio, assessore all’Urbanistica, Rino Mangini, assessore al Marketing Territoriale, eViviana Minervini, presidente dell’associazione “Just Imagine”. Tra gli ospiti Giuseppe Teseo, architetto e funzionario Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per la Città Metropolitana di Bari, e Luigi Abiusi, scrittore, critico letterario e cinematografico, selezionatore per la Settimana Internazionale della Critica del Festival di Venezia e direttore della rivista “Uzak”. Il dibattito sarà moderato da Carmen Albergo, critico cinematografico.