Nel weekend le musiche della tradizione popolare con 'Ta Tara Tatà'

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
21 agosto 2017
Photo Credits: Maria Sicolo

Nel weekend le musiche della tradizione popolare con 'Ta Tara Tatà'

Il festival si terrà in Piazza Cattedrale. Preview durante la Notte Bianca del Bosco

Sta per tornare il consueto appuntamento con la musica popolare in terra di Bari. L’associazione Folkèmigra, assieme al Comune di Bitonto e il circuito della “Rete dei Festival”, organizza per il terzo anno consecutivo il Bitonto Folk Festival “Ta Tara Tatà”, rassegna delle musicalità del mediterraneo.

L‘edizione 2017 del festival si rifà a quella degli altri anni mantenendo la formula vincente del coinvolgimento di scorci del centro storico suggestivi quali scenografie naturali per i concerti in simultanea. Ed ecco che il 26 Agosto saranno protagonisti i suoni della nostra terra nelle piazzette più belle con un percorso dinamico che partirà da piazza Cavour fino ad arrivare a Piazza Cattedrale. Si terrà infatti “La notte della festa”: a partire dalle ore 20.00 si esibiranno i "Fabulanova Ensemble", per passare poi ai salentini Cordella Band e arrivare all’adrenalinico gruppo calabrese formato dalla coppia Valentina Donato e Fortunato Stillittano con il Progetto Trarantella. Sempre presenti i “Pizzicareddi” Gisella D’Elia e Antonio Leone si esibirrano con balli internazionali oltre che con quelli autoctoni; alle ore 22.00 in Piazza Cattedrale sarà la volta dei tanto attesi campani “SetteBocche” mescola armonica di musica popolare, influenze rock e allergie comiche che faranno divertire la piazza e ballare a suon di tammurriate, tarantelle e pizziche. 

Domenica 27, invece, i concerti saranno statici e tutto si svolgerà in Piazza Cattedrale, dove, a partire dalle ore 20.00, ci sarà l’esibizione dei bambini di “Folkeggiando” coordinati dal maestro Carmelo Bacco insieme al direttore artistico del festival Francesco Minuti. Si proseguirà con la forza ed il coinvolgimento della musica salentina degli attesissimi “Zimbaria”, pronti a far saltare la piazza con pizzica, adrenalina e divertimento. Il gruppo, erede di uno dei più grandi tamburellisti salentini, è famoso per la forza che trasmette nell’esecuzione delle tradizionali pizziche. A fine serata saliranno sul palco i bitontini dell’associazione “Folkèmigra”, che chiuderanno l’edizione 2017 del festival.

Un focus speciale quest’anno si è voluto dare agli stage, propedeutici ai concerti. Infatti saranno diversi i momenti in cui si potrà imparare a ballare, mettendo i primi passi per i neofiti del ballo popolare o partecipando a sessioni avanzate per chi volesse perfezionare il proprio bagaglio conoscitivo delle danze. Si partirà dalla Notte del Bosco, novità della edizione 2017, che ospiterà di fatto la preview di Ta.Tara.Tatà. Curiosi e amanti della natura verranno coinvolti in allegre danze di cerchio internazionali per poi passare agli incontri dimostrativi di pizzica e approdare allo stage di tarantella calabrese, un ballo molto coinvolgente legato a ritualità antiche della terra d’origine. Qui inoltre si potranno ascoltare i brani della terra di Bari grazie a Gianni Grazioso del gruppo. 

Durante le sere del festival, in Piazza Cattedrale, sarà possibile degustare prodotti tipici con vino e birra locale e si potranno ammirare i fantasiosi ed artistici oggetti del mercatino d’artigianato. In Piazza ci sarà anche lo stand dell’associazione Folkèmigra dove sarà possibile prenotare gli stage o acquistare la maglietta del festival “Ta Tara Tatà” o numerosi oggetti/strumenti artigianali, 

Il nome del festival “TaTara Tatà”, che può vantare ormai tre edizioni, deriva da tra parole chiave della tradizione musicale: le tammorre, strumenti a percussione costruiti artigianalmente con pelle di capra e fasce di faggio impiallacciate manualmente una sull’altra; tarantelle, musiche tipiche di tutto il sud Italia con tutte le sue molteplici declinazioni; e tatàranne, riferimento ai nostri avi e alla tradizione.