Le ultime novità sulla Giunta

Savino Carbone
di Savino Carbone
Politica, Elezioni Amministrative 2017
14 luglio 2017

Le ultime novità sulla Giunta

Sciolte le riserve sui nomi, si pensa alle deleghe

Mentre poco o nulla è dato sapere sulla proclamazione dei consiglieri, che, a meno di colpi di scena, dovrebbe slittare alla prossima settimana, tante sono le voci che circolano riguardo la composizione della futura Giunta.

I tavoli di concertazione della maggioranza sono in continuo aggiornamento e tutto lascia intendere che la partita esecutivo sia tutt’altro che chiusa. 

Sebbene i bene informati sostengono che sia stata raggiunta un’intesa di massima sui nomi, sono le deleghe a dare non poche preoccupazione a Michele Abbaticchio, impegnato nel difficile lavoro di sintesi in una coalizione decisamente molto ampia. 

Sarebbero confermati i fedelissimi Rosa Calò (“Città Democratica”), forte di un risultato importante alle scorse consultazioni, e Rino Mangini, che rientrerebbe nella rosa di delegati di diretta espressione del primo cittadino, assieme a Domenico Nacci. Sarebbe l’ex assessore allo Sport il “tecnico” che Abbaticchio avrebbe individuato per guidare le Finanze e il Bilancio. Fuori invece Nico Parisi, che avrebbe però garantito per una giovane new entry (in quota “La Puglia in Più”) pronta a raccogliere il testimone dell’assessore all’Urbanistica uscente. 

Quasi scontate le presenze di Marianna Legista (“Riformisti Cattolici Popolari”), regina delle preferenze, Gaetano De Palma (“Progetto Comune Viviamo la Città”) e “Iniziativa Democratica”, a cui sarebbe stata promessa la Presidenza del Consiglio (il nome caldo è ovviamente quello di Vito Labianca). A chiudere la squadra una figura indicata da “Tra la Gente - Avanti con Michele Abbaticchio”

Tra i sette assessori bisognerà distribuire le deleghe - al momento sembrerebbero sicure quelle all’Urbanistica, al Bilancio e al Marketing Territoriale - senza contare la carica di vicesindaco, ambita da molti (come la delega ai Servizi Sociali)

Se le cose dovessero rimanere invariate, i rapporti di forza all’interno della Giunta favorirebbero “La Puglia in Più” e “Progetto Comune Viviamo la Città” che, tra figure indicate dalle segreterie e “tecnici” chiamati dal Sindaco, de facto si aggiudicano ben due scranni a testa. In più il movimento che fa capo a Dario Stefano controllerebbe due assessorati chiave, come il Bilancio e l’Urbanistica.  

Fuori, invece, “Direzione Bitonto” e “70032 Città in Movimento”, nonostante gli exploit di Christian Farella e Giuseppe Santoruvo. Come “Bitonto Solidale”, che però a Giugno non aveva raccolto nemmeno il 3%.