Le immagini della tappa bitontina della Milano-Taranto

Massimiliano Dilettuso
di Massimiliano Dilettuso
Cultura e Spettacoli, Video, Sport
08 luglio 2017

In città duecento motociclisti provenienti da tutta Europa, Australia e Giappone

Duecentotto centauri in sella alle proprie motociclette e una tradizione che va avanti dal lontano 1987: è questa la Milano – Taranto, la più prestigiosa gara di moto d’epoca organizzata da Moto Club Veteran San Martino, col supporto logistico di Aste e Bilancieri., che ieri ha fatto sosta nella città di Bitonto.

Giunta alla sua 31esima edizione, la kermesse è partita lo scorso 2 luglio dall’idroscalo di Milano e si concluderà quest’oggi sul lungomare di Taranto per un totale di 1.700 chilometri in sette giorni, 28 soste e sette regioni italiane coinvolte: Lombardia, Emilia – Romagna, Toscana, Lazio, Molise, Basilicata e Puglia. 

Ieri si è svolta la quinta tappa del lungo percorso che dalla città ambrosiana porterà gli oltre duecento motociclisti – provenienti da 14 nazionalità differenti – nel capoluogo ionico. Dopo la partenza da San Giovanni Rotondo, prima tappa a Minervino Murge, poi l’arrivo a Oppido Lucano, a seguire Gravina in Puglia, Bitonto – che nel 2014 era stata punto di passaggio della gara e nel 2015 tappa effettiva, ndr –  e l’arrivo a Bari. 

È stata la splendida cornice di piazza Cavour ad ospitare l’ultima sosta dei centauri - provenienti da tutta Europa, dall’Australia e persino dal Giappone - prima di ripartire alla volta del capoluogo pugliese, e sarà proprio la città di Bari ad ospitare la partenza per l’ultimissima tappa della gara che si concluderà a Taranto.

“I motivi per cui si partecipa alla Milano – Taranto sono fondamentalmente tre: la passione per la motocicletta, la passione per la storia della motocicletta e perché permette di attraversare tutta l’Italia in lungo e in largo approfittando delle bellezze naturali compresa quelle della vostra città” ha spiegato il centauro Massimiliano Fissore ai microfoni di BitontoTv.