Da chi sarà composta la futura Giunta?

Savino Carbone
di Savino Carbone
Politica, Elezioni Amministrative 2017
05 luglio 2017

Da chi sarà composta la futura Giunta?

Abbaticchio punterà su parte della vecchia squadra. Ecco chi potrebbe diventare assessore

Mentre si attende la proclamazione dei consiglieri comunali, si susseguono le trattative per la composizione della Giunta che affiancherà Michele Abbaticchio durante il secondo mandato.

Nonostante le segreterie politiche preferiscano mantenere le bocche cucite, iniziano a trapelare le prime indiscrezioni sulla futura squadra di governo, che dovrebbe essere annunciata - salvo ulteriori rallentamenti dei lavori della Commissione Elettorale - entro la fine della prossima settimana. 

Abbaticchio punterà su un team di sette assessori. Sembrerebbe abbastanza certo che il primo cittadino porterà con se quattro fedelissimi che lo hanno accompagnato nell’esperienza amministrativa degli scorsi cinque anni. I pensieri vanno dunque a Nico Parisi, ex assessore all’Urbanistica, Rino Mangini, delegato al Marketing Territoriale, e Rosa Calò, forte di un risultato straordinario in termini di preferenze. D’altronde si tratta di tre figure che ben si confanno a quella “continuità amministrativa” invocata a più riprese dal Sindaco.

Poche certezze sulle tre new entry. I bene informati sostengono che in pole per un assessorato ci sia Gaetano De Palma, reduce dalla Presidenza del Consiglio, uomo indicato dal gruppo “Progetto Comune Viviamo la Città”. Mentre, tra le varie ipotesi, prende forza il nome di Marianna Legista, moglie di Damiano Somma, protagonista di un exploit con la lista Riformisti Cattolici Popolari, che andrebbe ad occupare la seconda casella destinata alle quote rosa - in tutto tre.

E mentre ci si chiede a chi verranno affidate le deleghe al Welfare e al Bilancio (qualcuno parla addirittura di personalità esterne alla coalizione), "Iniziativa Democratica", il movimento trascinato alle scorse consultazioni da Vito Labianca e Maria Milo Milo, potrebbe far sua la Presidenza del Consiglio. 

Le forze politiche che compongono la maggioranza, però, torneranno presto ad aggiornarsi e non sono esclusi ribaltoni dell’ultimo minuto. Si potrà cominciare a parlare di certezze soltanto nel weekend. Con la speranza che la macchina amministrativa, ormai da diversi giorni bloccata, possa tornare presto ad operare.