Cocktail analcolici per dire 'no' alle dipendenze: si conclude il progetto 'Drop In'

di La Redazione
Cronaca
24 luglio 2017

Cocktail analcolici per dire 'no' alle dipendenze: si conclude il progetto 'Drop In'

Il programma è stato promosso da Caps, SerT e Eughenia. Appuntamento finale questa mattina

Frutta, verdura, succhi di frutta, ghiaccio e fantasia: un cocktail analcolico per dire di no alle dipendenze patologiche. Il progetto “Drop in” messo in campo dalla cooperativa barese Caps (Centro di Aiuto Psicosociale), per conto del Comune di Bitonto e attuato in collaborazione con il Ser.T. territoriale (Servizi per le Tossicodipendenze), conclude così il percorso iniziato lo scorso inverno con gli utenti della cooperativa bitontinaEughenia”.

Quindici ragazzi con disagi sociali, tra gli 11 e i 15 anni, si sono cimentati nella ricerca e nella sperimentazione di nuove bevande analcoliche grazie all’attività “Alcool free”. 

I cocktail analcolici saranno giudicati e, successivamente, adottati dai gestori dei locali del centro storico: Artemisia, Corvo Torvo, Sale in Zucca e Solito Posto

Secondo le statistiche regionali la prima assunzione di alcool avviene nel 50% dei casi sotto i 15 anni e il 50% dei ragazzi tra i 15 e i 18 anni assume cannabinoidi; per questo progetti come “Drop In” aiutano a contrastare le  dipendenze patologiche attraverso la riduzione dei fattori di rischio e il rinforzo di quelli di protezione. Attraverso il suo entourage multidisciplinare, la cooperativa barese ha cercato di sensibilizzare i ragazzi attraverso attività specifiche. 

Appuntamento questa mattina alle ore 11.00 presso il centro della cooperativa “Eughenia”, “Baloo”, in IV trav. Abbaticchio, 2 a Bitonto, per la giornata conclusiva del progetto.