A Bitonto una lunga ciclovia che collegherà stazioni e cimitero

di La Redazione
Cronaca
29 luglio 2017

A Bitonto una lunga ciclovia che collegherà stazioni e cimitero

Il progetto è stato presentato ieri. Sarà candidato a bando regionale

È stato presentato ieri al Torrione Angioino, il progetto della pista ciclabile di via Donato de Capua, che collegherà i nodi delle due stazioni ferroviarie con un percorso di mobilità dolce.

Il programma di intervento, presentato dagli assessori Federica Fiorio e Rosa Calò, dal sindaco Michele Abbaticchio e dall’architetto Domenico Cannito - coadiuvati dall’ex assessore Nico Parisi -  e che al momento è fermo allo studio di fattibilità che permetterà di candidare il progetto a finanziamento, prevede, nel dettaglio la realizzazione di un percorso ciclopedonale nel tratto tra le due stazioni delle Ferrovie del Nord Barese presenti in città - Stazione Centrale e Stazione Medici - e tra l’area cimiteriale e la Stazione Ferroviaria Centrale del Comune di Bitonto.

Il progetto sarà candidato al bando regionale per la realizzazione di progetti di percorsi ciclabili e/o ciclopedonali (Azione 4.4 del P.O.R. Puglia FESR FSE 2014–2020) e punta a dotare Bitonto di un collegamento diretto tra le due stazioni ferroviarie, completamente riqualificato da mobilità dolce ciclopedonale.

Tale indirizzo progettuale rientra in una più ampia visione strategica, a livello comunale e sovra comunale, già esposta nel Documento Programmatico Preliminare (DPP) del Piano Urbanistico Generale (PUG) adottato dal Consiglio comunale ad aprile 2017, e orientata alla creazione di un sistema di mobilità lenta che qualifichi le connessioni con una maggiore sostenibilità (nel progetto lungolama è prevista la creazione di una stazione ciclistica). 

L’intervento si inserisce tra le programmazioni metropolitane in materia di mobilità della Ciclovia delle Lame, che punterà a collegare e far dialogare tra loro la costa e l’entroterra, il mare con i boschi e le foreste dell’Alta Murgia, e il Biciplan Metropolitano, il piano presentato nei mesi scorsi, che punta alla realizzazione di una rete di percorsi ciclabili di oltre 400 chilometri che si sviluppa in ambito urbano ed extraurbano e si integra con le pianificazioni di mobilità sostenibile a livello regionale, nazionale ed europeo.