Serve una nuova ricapitalizzazione per la SANB

di La Redazione
Politica, Cronaca
14 giugno 2017

Serve una nuova ricapitalizzazione per la SANB

Per Abbaticchio 'un passaggio tecnico'. L'Ambito non intende abbandonare la società

Per la seconda volta in sei mesi la SANB rischierebbe sulla carta la messa in liquidazione anticipata. Secondo quanto riferito da alcuni organi di stampa locali, i Comuni dell’Ambito di Raccolta Ottimale non avrebbero rispettato le scadenze per la necessaria ricapitalizzazione della società, costituita per gestire il servizio di raccolta e conferimento rifiuti nei Comuni di Bitonto, Molfetta, Terlizzi, Ruvo di Puglia e Corato

Ci sarebbero da coprire (nuovamente) i costi dei revisori dei conti - che ammonterebbero a qualche decina di migliaia di euro -, ma non tutti i Consigli Comunali si sono riuniti per discutere e approvare la ricapitalizzazione (ad oggi hanno deliberato le assisi di Ruvo di Puglia e Terlizzi). 

Così la prima grana della prossima assemblea di Palazzo Gentile sarà decidere se liquidare la società o ricapitalizzarla e proseguire con il percorso intrapreso ormai due anni fa. Il sindaco Michele Abbaticchio ha fatto sapere che si tratta “di un passaggio tecnico e formale” e che la cifra che il Comune di Bitonto dovrà impegnare “sarà esigua”

L’Ambito non intende retrocedere sulla Sanb, ma lo sblocco amministrativo della società dovrà passare da questo atto - che potrebbe tardare ad arrivare, considerato che a Molfetta, dove c’è il ballottaggio per le Amministrative, il nuovo Consiglio si insedierà sicuramente più tardi di quello bitontino.

Ricapitalizzata la società, i Comuni dell’Ambito dovranno esprimersi sulla figura dell’Amministratore Unico - per cui sono arrivate diverse candidature - e superare lo stallo. Ma novità non potranno arrivare prima del prossimo luglio, quando saranno state rinnovate tutte le cariche di governo a Bitonto, Molfetta e Terlizzi.