Esami di stato. Nelle scuole bitontine quasi seicento maturandi

Federica Monte
di Federica Monte
Cronaca
20 giugno 2017

Esami di stato. Nelle scuole bitontine quasi seicento maturandi

Si parte domani con la prima prova. I dati divisi per istituto

Si avvicina per i maturandi la notte prima degli esami. A Bitonto sono quasi seicento i ragazzi che domani affronteranno la prima prova scritta, quella di italiano, unica per tutti. Chissà quanti in queste ore si dibattono tra ansie e paure, si affidano alla scaramanzia o semplicemente si abbandonano ai ricordi sulle note di uno dei più grandi successi di Antonello Venditti. 

Si tratta di un numero di studenti importante -  in calo rispetto al 2014, quando sono stati settecento gli studenti che hanno preso parte agli esami in città - in linea con il trend nazionale, che si attesta su quasi seicentomila maturandi.

Nel dettaglio, le scuole bitontine saranno sede d’esame per 294 donne e 323 uomini. Scendendo nello specifico, scuola per scuola, si nota che la scuola con il numero maggiore di maturandi è l’Istituto Economico “Vitale Giordano” con 139 alunni (71 maschi e 68 femmine), segue il Liceo Scientifico “Galileo Galilei”, con 114 (divisi in 68 maschi e 46 femmine), poi il Liceo Linguistico con 86 studenti (20 maschi e 66 femmine). A seguire l’Istituto Tecnologico “Volta-De Gemmis", il Liceo Classico “Carmine Sylos” e l’Istituto Professionale per i Servizi Sociali, quello Chimico Biologico e quello per i Servizi Economici (tutti accorparti al “Volta-De Gemmis”), rispettivamente con 73 (71 maschi e 2 femmine), 52 (14 maschi e 38 femmine), 28(27 femmine e un maschio), 11 (5 maschi e 6 femmine) e 8 alunni (divisi in 4 maschi e altrettante femmine). 

A questi vanno aggiunti gli studenti del Liceo Linguistico “European Language School”, scuola paritaria, sede d’esame per 21 studenti, 7 maschi e 14 donne.

Ai ragazzi del diurno vanno aggiunti gli studenti dei corsi serali, che sono invece 85, divisi tra l’Istituto Economico Vitale Giordano e l’Istituto Tecnologico, ex industriale, “Volta”. Si cimenteranno con le prove statali 62 uomini e 23 donne.

“Sta per concludersi un percorso, ed è sempre difficile abbandonare le proprie abitudini... anche il semplice svegliarsi la mattina a fatica. Strano a dirsi ma mi mancherà perché è comunque stata la mia vita per 13 anni - ci racconta Annarita, studentessa del Liceo Scientifico “Galileo Galilei”, come tante in queste ore alle prese con il "totoautore" per la prima prova  - Ho sicuramente paura di scegliere cosa farò del mio futuro perché potrei pentirmene, mi mancheranno i banchi di scuola, perché anche se inconsapevolmente ci danno una sicurezza... Adesso saremo meno tutelati e dobbiamo rimboccarci le maniche da soli. Forza e coraggio, la maturità è di passaggio”.