La Bitonto del Settecento rivive grazie al corteo storico

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
15 maggio 2017

La Bitonto del Settecento rivive grazie al corteo storico

Santo 27 maggio l'appuntamento organizzato da 'Accademia della Battaglia'. Tante le novità, come 'Presidi dei Palazzi'

La storia di Bitonto torna a farsi viva, per coinvolgere la città in un turbine di colori, suoni e magia. È in arrivo il tradizionale “Corteo Storico” organizzato dall'associazione culturale “Accademia della Battaglia” e dal Comune di Bitonto, con la partecipazione attiva di numerose realtà locali. 

Sabato 27 maggio, nell’ambito delle Feste Patronali in onore di Maria Ss. Immacolata, più di 600 figuranti in costume settecentesco sfileranno per le vie principali rievocando la celebre battaglia che il 25 maggio 1734 oppose davanti alle mura della città l’esercito spagnolo del generale Montemar e quello austriaco del principe di Belmonte. 

L’atmosfera del Settecento sarà così rievocata da nobili, borghesi, popolani e religiosi, preceduti dagli sbandieratori e musici dell’Associazione “Civitas Mariae” di Capurso e affiancati da danzatori, teatranti e musicisti, scortati dai soldati a piedi e a cavallo.

Il corteo partirà alle ore 18.30 dalla scuola elementare “Giovanni Modugno”: percorrerà via Crocifisso, p.zza Marconi, via Matteotti, via Mazzini, p.zza XXVI Maggio 1734, via Repubblica Italiana, via Verdi, p.zza Partigiani d’Italia e Corso Vittorio Emanuele II. 

Presso Porta Baresana, alle ore 21.30 avverrà la cerimonia di consegna della chiave della città al generale Montemar, con animazioni curate da “Okiko The Drama Company” di Piergiorgio Meola. 

Fra le novità di questa edizione ci sono i “Presidi dei Palazzi”: prima della partenza del corteo, dalle ore 17.30 figuranti che impersoneranno nobili dell’epoca guideranno il pubblico alla scoperta dei loro casati in quattro importanti dimore storiche (palazzo de Ferraris-Regna in p.zza Cavour; palazzi Bove e Rogadeo in via G. D. Rogadeo; palazzo Sylos-Sersale in p.zza Sylos-Sersale); in piazza Cattedrale, invece, i popolani narreranno in vernacolo la storia dei principali monumenti in loco. L’abate dello Jacono “in persona” animerà invece piazza Cavour con il racconto dello scontro fra spagnoli e austriaci, di cui fu testimone oculare (testo di Carmen Rucci).

 

Visualizza la mappa digitale del Corteo Storico 2017  .

 

Le animazioni saranno curate da attori delle compagnie teatrali della Federazione Italiana Teatro Amatoriale della Puglia: “Amici per la Crepapelle” di Bitonto, “Mariott’Arte” di Mariotto, “Impronte” di Palo del Colle, “Il Piccolo Teatro San Giuseppe” di Toritto e “Senza Vergogna” di Bari. Per finire, l’atrio della Cattedrale ospiterà i ragazzi della “Moving Dance Studio Academy” di Natalizia Leccese, che eseguiranno danze popolari del Settecento.