Bitonto 2020 per una città 'in grado di cambiare'

Massimiliano Dilettuso
di Massimiliano Dilettuso
Politica, Elezioni Amministrative 2017
12 maggio 2017

Bitonto 2020 per una città 'in grado di cambiare'

Abbaticchio e Parisi presentano il piano per ridare vita al territorio

Progettare il futuro cercando di ottenere risultati nel più breve tempo possibile: è questo l'obiettivo che si propone Bitonto 2020, il piano ideato dall'Assessorato alle Politiche Urbanistiche in collaborazione con l'Urban Center di Bitonto, e presentato ieri alla cittadinanza. 

Al programma, coordinato dall'assessore alle politiche urbanistiche Nico Parisi, hanno preso parte professionisti, studenti, esperti e semplici cittadini provenienti da diversi settori. Ciascuno di essi ha curato una parte del progetto, che è stato in parte già realizzato nel biennio appena trascorso, ma che prevede dei nuovi obiettivi per gli anni a venire.

Il piano Bitonto 2020 si compone di 13 importanti settori su cui fare leva: PUG - Piano Urbanistico Generale; Urban Center; PUMS - Piano Urbano della Mobilità Sostenibile; APPEA - Conversione della Zona Artigianale in Area Produttiva; FABLAB POLIBA - FABrication LABoratory del POLItecnico di BAri; Pattò Città/Campagna e Pattò Città Metropolitana (Reti di piste ciclabili, Lungolama, Vecchio Macello, Piazza Caduti); Agopunture urbane e riqualificazione delle periferie; Parco di Lama Balice; le tre piazze centrali e gli assi viari ottocenteschi (Piazze Cavour, Moro e Marconi); Renew Urban - Rigenerazione Urbana; Stadio e Zona Sportiva; Palombaio e Mariotto; Big Data: Smart City e informatizzazione. 

"In questo periodo, con i finanziamenti ricevuti, Bitonto è diventata una Ferrari - ha scherzato il sindaco uscente Michele Abbaticchio nel suo intervento di apertura - Nell'area metropolitana barese, siamo il secondo comune dopo Bari per numero di finanziamenti ricevuti".

"Fino a due anni fa non avevo mai avuto esperienze di natura politica e devo dire che anche io all'inizio ero titubante perché avevo, come tutti noi, un'immagina della politica compromessa - ha rivelato l'assessore Parisi - Andare a spendersi per una politica compromessa non è sempre facile, ma ho accettato e, in questi anni,ho imparato tanto sulla macchina amministrativa che dirige la città".

In seguito, ha chiarito gli obiettivi che Bitonto 2020 si è preposta fin dalla sua nascita: “Abbiamo un duplice obiettivo: conseguire risultati sulla vita che oggi viviamo e anche risultati con una prospettiva più lunga. Abbiamo provato ad immaginare una città che cambi in un futuro un po' più lontano, ma attuando a pezzetti ciò che già avevamo programmato precedentemente". 

"Non ho fatto un'esperienza da solo, ma in una comunità che ha condiviso un'unica direzione - chiarisce l'assessore - Non ci affianchiamo a Michele Abbaticchio, come Sindaco, per una guerra solitaria, ma vogliamo provare ad occuparci di parti del suo programma di lavoro. Per questo, da oggi trovere attivo il sito www.bitonto2020.it, costruito per illustrare e far capire la prospettiva che noi tutti immaginiamo per il futuro della nostra città".

Il sito di Bitonto 2020 si presenta come "il prodotto di un lavoro collettivo di tirocinanti, studenti universitari, ragazzi dell'urban center e professionisti", e al suo interno sono visibili sia i progetti in programma - e in fase di realizzazione - sia quelli già portati a termine.

"Per programmare una città bisogna avere un processo aperto e illuminato. Quanta più gente partecipa ad una visione della città, più quella vissione sarà approvata dai cittadini. Bitonto 2020 è un gruppo che vuole lavorare tendendo ad aprirsi alla gente e non a chiudersi a se stesso. Ora bisogna far sì che non ci siano 'adesioni secche' che si trasformino in abbandono, bensì adesioni sincere e durature" ha concluso l'assessore Parisi. 

Saranno Maria Teresa Cuonzo, architetto con esperienza nel campo della cooperazione allo sviluppo, e Vincenzo Russo, ingegnere e tra i primi fautori del progetto Urban Center Bitonto, i portavoce del progetto in suolo politico: infatti, i due hanno presentato la propria candidatura per il ruolo di consiglieri comunali a sostegno del candidato sindaco Michele Abbaticchio. "Sono contento di presentare quest'oggi due candidati giovani e competenti che spero riescano ad entrare in consiglio comunale per aiutarci a portare Bitonto ad essere sempre più un punto di riferimento per l'area metropolitana barese, così come già lo è da alcuni anni a questa parte" ha dichiarato Abbaticchio.