Le foto vincitrici del World Press Photo in mostra alla Sala Murat di Bari

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
27 aprile 2017

Le foto vincitrici del World Press Photo in mostra alla Sala Murat di Bari

L'esposizione organizzata da CIME: tanti eventi collaterali. Public lecture con i vincitori Obzbilici, Comello e Gibotta

È Bari il palcoscenico privilegiato dell'anteprima nazionale di World Press Photo, il più grande concorso di fotogiornalismo al mondo. Ospite d'eccezione dell'inaugurazione di venerdì 28 aprile sarà Burhan Ozbilici, autore di An Assassination in Turkey - Mevlüt Mert Altıntaş, fotografia vincitrice assoluta del titolo World Press Photo of the Year 2017.  

Allestita in circa 200 sedi in 54 Paesi, l'esposizione World Press Photosarà ospitata per il quarto anno consecutivo,dal 28 aprile al 21 maggio, a Bari in Spazio Murat,grazie all'impegno di CIME, realtà pugliese che si occupa dell’organizzazione di eventi culturali in Italia e all’estero, con particolare attenzione alla promozione e allo sviluppo dei territori.     

I visitatori potranno ammirare le 150 immagini vincitrici del più prestigioso concorso di fotografia, nato ad Amsterdam nel 1955, e selezionate da una giuria internazionale presieduta da Francis Kohn, direttore fotografico dell'agenzia France-Presse.

 

Jonathan Bachman

 

Ogni anno, migliaia di fotoreporter si contendono il titolo nelle diverse categorie (general news, spot news, contemporary issues, daily life, portraits, nature, sport) per aggiudicarsi un posto nella mostra che attrae milioni di visitatori in tutti e cinque i continenti. Per questa edizione 2017 erano in gara 80mila foto, scattate da 5.034 fotografi. Un viaggio per immagini tra gli avvenimenti più rilevanti del nostro tempo e pubblicati su alcune delle testate internazionali più prestigiose come Time, Le Monde, New York Times, The Guardian e National Geographic. 

“Per il quarto anno Cime porta a Bari la mostra di fotogiornalismo più ambita al mondo e questa volta la Puglia conquista l’anteprima nazionale. Per noi è un vero onore. Cime è una realtà pugliese che si occupa dell’organizzazione di eventi culturali in Italia e all’estero, con particolare attenzione alla promozione e allo sviluppo dei territori. La mostra a Bari è sostenuta da Regione Puglia, Comune di Bari e dallo sponsor unico Fiat Lancia, un esempio di come pubblico e privato possano lavorare assieme per lo sviluppo culturale - ha spiegato ieri in conferenza stampa Vito Cramarossa, project manager di CIME - Un evento di questo tipo ha una ricaduta economica non solo in termini di ricettività e di aumento dell’incoming, ma apre nuove opportunità lavorative: quest’anno, per esempio, sono stati coinvolti circa 80 tra professionisti e artigiani. L’anno scorso dai nostri campionamenti abbiamo riscontrato che circa il 65% dei visitatori arriva da fuori città, di cui il 25% proviene da fuori Puglia”.

LA FOTO VINCITRICE

Burhan Ozbilici di Associated Press sarà l'ospite di eccezione dell'inaugurazione di venerdì 28 aprile in Spazio Murat (piazza del Ferrarese, Bari).  La sua An Assassination in Turkey - Mevlüt Mert Altıntaş è la foto vincitrice del World Press Photo of the Year 2017. L'immagine, scattata da Burhan Ozbilici subito dopo l'omicidio avvenuto ad Ankara il 19 dicembre 2016 durante l’inaugurazione di una mostra, ritrae un poliziotto, immortalato pochi istanti dopo aver sparato all’ambasciatore russo in Turchia Andrey Karlov.

 

Burhan Ozbilici 

 

Burhan Ozbilici ha 59 anni, è nato a Erzurum, in Turchia, e prima di entrare a far parte di Associated Press (AP) nel 1989 aveva lavorato per diversi giornali turchi, tra cui un quotidiano in lingua inglese (Turkish Daily News). Per AP ha seguito tutte le storie che riguardano la Turchia, compreso il tentato colpo di stato dell’estate 2016, ma anche la crisi in Siria, e ha avuto diversi incarichi in paesi come l’Arabia Saudita, il Qatar, l’Egitto e la Libia, tra gli altri. Ha raccontato anche la crisi del Golfo in Arabia Saudita nel 1990, la prima guerra del Golfo al confine turco-iracheno, l’esodo dei curdi in Turchia e il loro ritorno in Iraq dopo la guerra nel 1991. “Ho scelto di venire in Puglia  perché qui ho trovato una grande professionalità e un’organizzazione che mi ha accolto come se fosse una famiglia. Ho scelto questo mestiere sin da quando ero ragazzo: volevo testimoniare quello che succede nel mondo con il mio lavoro. La foto per cui ho vinto il World Press Photo of the year dicono che sia perfetta, per me è terribile, terribile esattamente come quello che sta succedendo in Medio Oriente (in particolare in Siria) nei nostri tempi. Quando ho scattato ho solo fatto il mio lavoro: non ho pensato ad altro se non a testimoniare quello che stava succedendo” ha dichiarato ieri nella sala stampa della Presidenza della Regione. 

GLI ITALIANI IN MOSTRA

Tra i vincitori del World Press Photo 2017 ci sono anche quattro italiani: Antonio Gibotta, secondo premio Daily life con lo scatto “Infarinati”, Francesco Comello terzo premio Daily life con “Isola della salvezza”, Alessio Romenzi terzo premio per la sezione General news con “Non prendiamo prigionieri” e Giovanni Capriotti vincitore del primo premio per la categoria Sport sezione ‘Storie’.

 

Alessio Romenzi

 

Francesco Comello

 

NOVITÀ DI QUEST'ANNO

World Press Photo Bari quest’anno si arricchisce di nuove collaborazioni come l’associazione Presìdi del libro che curerà i giovedì letterari (4 maggio – 11 maggio – 18 maggio) e il Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari  che curerà i venerdì musicali ( 5 maggio – 12 maggio – 19 maggio).
Ogni sabato, invece, sarà organizzata all’interno della mostra una Public Lecture (ore 16) con un fotoreporter di fama internazionale vincitore di World Press Photo tra cui il famoso vincitore del World Press of the Year 2017 Burhan Ozbilici (29 aprile, ore 16, ingresso mostra), il pluripremiato e già membro della giuria del WPP per sei anni Manoocher Deghati(6 maggio) e ancora Antonio Gibotta (13 maggio) e Francesco Comello (20 maggio).

 

Mathieu Wilcocks


Per il primo anno World Press Photo Bari sarà promossa da uno sponsor nazionale come Fiat-Lancia che ha scelto di investire in questo progetto animata dalla sua attitudine alla sperimentazione creativa e all'esplorazione di nuovi territori di comunicazione. Cime sarà accompagnata da Fiat-Lancia anche nell’organizzazione della seconda edizione di World Press Photo Napoli  (7 dicembre - 7 gennaio 2018) e nelle prime edizioni di Torino (3 -26 novembre 2017) e Palermo (1 - 24 settembre 2017).  

ORARI MOSTRA

La mostra sarà inaugurata il 28 aprile alle 20.30 in Spazio Murat e sarà esposta sino al 21 maggio 2017. Dal lunedì al giovedì ore 10-20, venerdì e sabato ore 10-22, domenica ore 10-13 e 16-20.
Ingresso 4,50 euro
Ridotto 3,50 euro per universitari (su presentazione del libretto universitario) e over 65.
Cime ha anche creato l’opportunità di ingressi convenzionati per le scolaresche (euro 2,50) con prenotazione obbligatoria sul sito http://www.worldpressphotobari.it 

 

Paula Bronstein

 

EVENTI WORLD PRESS PHOTO

Durante l'esposizione, oltre agli incontri con alcuni fotoreporter internazionali, sono previsti reading e presentazioni di libri in linea con i temi della mostra in collaborazione con l’associazione Presìdi del libro e appuntamenti di accompagnamento musicale live ai visitatori della mostra a cura del Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari.

 

INAUGURAZIONE
28 Aprile 2017 ore 18.30 su invito
- ore 20.30 apertura al pubblico

Ospite d’onore Burhan Ozbilici

Durante l’inaugurazione è previsto un intervento musicale a cura del Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari e un rinfresco a cura di Bigood – Catering Bio Solidale.

29 Aprile 2017 ore 16

Incontro con il fotoreporter internazionale e vincitore di World Press Photo Burhan Ozbilici in una Public Lecture aperta ai visitatori della mostra. 

4 Maggio 2017 ore 18 

Incontro letterario in cui sono previsti reading e presentazioni di libri in linea con i temi della mostra in collaborazione con i Presìdi del libro. Giovedì 4 maggio Carlo Dilonardo legge “Davanti al dolore degli altri” di Susan Sontag.

5 Maggio 2017 ore 19

Accompagnamento live ai visitatori della mostra a cura del Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari.

6 Maggio 2017 ore 16

Incontro con il fotoreporter internazionale già vincitore di World Press Photo Manoocher Deghati in una public lecture aperta ai visitatori della mostra.

11 Maggio 2017 ore 18

Incontro letterario, in collaborazione con i Presìdi del libro, Paolo Panaro legge “L’avventura di un fotografo” di Italo Calvino. 

12 Maggio 2017 ore 19

Accompagnamento musicale live ai visitatori della mostra a cura del Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari.

13 Maggio 2017 ore 16

Incontro con il fotoreporter internazionale vincitore di World Press Photo Antonio Gibotta in una public lecture aperta ai visitatori della mostra.

18 Maggio 2017 ore 18

Incontro letterario in collaborazione con i Presìdi del libro, Carmela Vincenti legge “La giornata di un fotografo” di Lewis Carroll. 

19 Maggio 2017 ore 19

Accompagnamento musicale live ai visitatori della mostra a cura del Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari.

20 Maggio 2017 ore 16

Incontro con il fotoreporter internazionale vincitore di World Press Photo Francesco Comello che illustrerà ai pellegrini ortodossi il suo progetto svolto in Russia.

Altri eventi verranno comunicati nel corso delle settimane di permanenza a Bari della mostra. 

 

In copertina foto di Tomas Munita

Tutte le foto per gentile concessione del World Press Photo Bari