Gli angeli dell'infanzia. Il tutoraggio di Eughenia a sostegno dei piccoli rom

Savino Carbone
di Savino Carbone
Video, Inchieste
08 aprile 2017

Nella giornata internazionale dei rom, BitontoTV dedica uno speciale alle attività della cooperativa che permettono ai minori gitani di accedere all'istruzione

Da sempre oggetto di sospetti e vessazioni, il popolo rom è una delle più antiche minoranze del Vecchio Continente. In Italia i gitani sono circa 180mila e rappresentano lo 0,25 per cento della popolazione residente nel Paese, di questi appena 40mila vive nei campi nomadi. Una grossa fetta degli abitanti delle baraccopoli è costituita da minori, che vivono in condizioni di estremo disagio, senza tutela e diritti.

Nella giornata internazionale dei rom e dei sinti, che si festeggia ogni anno l’8 di aprile (per ricordare il primo congresso mondiale del popolo rom, che si tenne a Londra nel 1971), BitontoTV ha dedicato uno speciale alle attività di “Eughenia”, la cooperativa che si occupa dei minori gitani sul territorio di Bitonto.

Dal 2008 “Eughenia” gestisce il servizio di tutoraggio a favore di minori e madri di etnia rom, al fine di ridurre il tasso di dispersione scolastica e di emarginazione in tali popolazioni e di sensibilizzarli al valore dell’istruzione e del lavoro.

Il servizio prevede il prelevamento quotidiano dei minori accampamenti ubicati in diverse zone periferiche di Bitonto, la loro cura igienica, rifornimento di biancheria e abiti puliti, accompagnamento e prelevamento da scuola, inoltre assicura a ciascun minore la profilassi sanitaria obbligatoria. 

Dai 4 minori con cui si è partiti nel 2008, si è arrivati, nel 2014, a 24. Il servizio ha riscosso una attestazione di merito da parte del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bari ed ha permesso alla cooperativa di associarsi con titolo all’UNAR (Ufficio Nazionale Anti Discriminazioni Razziali) per l’adozione di strategie ed azioni di contrasto ai fenomeni di discriminazione razziale e xenofobia.

BitontoTV ha passato una giornata con i membri della cooperativa, presieduta da Patrizia Moretti, e con i piccoli che ogni giorno vengono seguiti. Partendo proprio dai campi nomadi.