Dal sesso degli angeli al 'genere di Dio'

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
22 aprile 2017

Dal sesso degli angeli al 'genere di Dio'

Lunedì ai Cappuccini la presentazione del libro di Selene Zorzi

Un fantasma si aggira ultimamente per le sacrestie della Chiesa Cattolica: il fantasma del Gender. Il termine (l’equivalente inglese dell’italiano “genere”) racchiude in realtà diverse questioni ampie e profonde, provenienti da un dibattito filosofico che ha almeno trent’anni – dalle eredità del femminismo al ripensamento del rapporto con il proprio corpo – eppure nel linguaggio ecclesiastico si traduce in un solo problema: come comportarsi con chi pare manifestare un’identità sessuale diversa dalle tradizionali (e bibliche) etichette di “uomo” e  “donna”?

Le indicazioni provenienti in merito dalla Chiesa sembrano essere contrastanti: il celebre passo avanti di Papa Francesco rispetto agli omosessuali – “chi sono io per giudicare?” – è stato accompagnato negli ultimi anni da ricorrenti richiami alla dottrina ufficiale, con annesse condanne dell’“ideologia del Gender”, da parte dello stesso Pontefice e del clero ai suoi massimi vertici.  Come stanno davvero le cose? Sarà mai possibile per la teologia accettare una categoria come quella di “genere”?

A queste ed altre questioni risponde Selene Zorzi, docente di Patrologia e Storia della Teologia all’Istituto Teologico Marchigiano, nel suo libro “Il genere di Dio. La Chiesa e la teologia alla prova del Gender”, edito all’inizio di quest’anno da La Merdiana, che sarà presentato lunedì alle 19 presso l’Ex Convento dei Cappuccini, su iniziativa della Parrocchia San Silvestro – Chiesa del Crocifisso.

 

 

L’autrice dialogherà con la giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Enrica D’Acciò e il docente di filosofia Sabino Paparella in merito ai contenuti del volume e a tutti gli equivoci che, spesso per semplice ignoranza, si sono creati nel tempo intorno ad un tema scottante come quello delle “nuove” identità sessuali. Sullo sfondo della querelle teologica e biblica, problemi bioetici e istanze sociali sempre più pressanti nel dibattito pubblico, dal femminicidio al cosiddetto “utero in affitto”, dal transessualismo alla partecipazione di gay e lesbiche alla vita della Chiesa. Come fare i conti con queste realtà?

Introdurrà la discussione la responsabile della casa editrice La Meridiana, Elvira Zaccagnino. L’ingresso è libero e aperto a tutti i cittadini.