Bitonto è tra le 'Città che leggono' secondo il Centro per il libro e la lettura

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
13 aprile 2017

Bitonto è tra le 'Città che leggono' secondo il Centro per il libro e la lettura

La città potrà partecipare ai bandi del 2017 promossi dall'ente

Bitonto è stata inserita nell’elenco delle “Città che leggono”, il consorzio culturale promosso dal Centro per il libro e la lettura, d’intesa con l’ANCIAssociazione Nazionale Comuni Italiani.

A darne l’annuncio è stato l’assessore al Marketing Territoriale, Rino Mangini, con una nota sui social network in cui ha spiegato il senso del riconoscimento. Il Centro per il libro e la lettura, d’intesa con l’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani attraverso la qualifica di Città che legge ha deciso di promuovere e valorizzare quelle Amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura - come si legge sul sito del Centro - L’intento è di riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva.

Una Città che legge garantisce ai suoi abitanti l’accesso ai libri e alla lettura (attraverso biblioteche e librerie), ospita festival, rassegne o fiere che mobilitano i lettori e incuriosiscono i non lettori, partecipa a iniziative congiunte di promozione della lettura tra biblioteche, scuole, librerie e associazioni e aderisce a uno o più dei progetti nazionali del Centro per il libro e la lettura”.

I Comuni, che hanno presentato la propria candidatura e hanno dimostrato di avere le caratteristiche richieste, avranno la possibilità di partecipare ai bandi che il Centro per il libro lancerà a partire dal 2017 per premiarne i progetti più meritevoli in base a categorie da definire. 

Il riconoscimento è arrivato grazie all’intese attività di promozione della lettura e della cultura, organizzate da Libreria Hamelin, Libreria del Teatro e Cartolibreria Raffaello, nonché ai festival Viaggi Letterari nel Borgo di Gianluca Rossiello, Giardino dei Gelsi di Gianna Lomangino, Elisabetta Tonon e Cooperativa ReArtù, alla rassegna Le Corti dei Miracoli di Nicola Abbondanza, ai servizi resi dal progetto SAC per la Biblioteca Comunale, all'Archivio Diocesano diretto da Stefano Milillo e all'Archivio Storico Comunale diretto da Nicola Pice, “importanti presidi culturali di studio e lettura” secondo Mangini.