Toscano: 'Partito incurante dei rischi dell'ammissione di Sannicandro'

di La Redazione
Politica, Elezioni Amministrative 2017
07 marzo 2017

Toscano: 'Partito incurante dei rischi dell'ammissione di Sannicandro'

E Battipede: 'Pochi lavorano per la squadra'. Sui social parlano gli sconfitti delle primarie

A ventiquattro ore dallo spoglio che ha consegnato la vittoria a Lillino Sannicandro, Pietro Battipede e Nicola Roberto Toscano, grandi sconfitti delle primarie celebrate dalla coalizione democratica, consegnano ai social network i ringraziamenti all’elettorato e i commenti sulla consultazione. 

“Grazie a quanti hanno condiviso questa breve ma significativa esperienza politica, per avermi fatto conoscere una politica che non conoscevo, per avermi dato la possibilità di conoscere ragazzi e persone davvero ‘per bene’” scrive l’ex vicequestore, candidato della dirigenza PD e grande favorito alla vigilia. Non risparmiando sottili critiche al percorso che ha portato i dem, socialisti, Sinistra Italiana, Laboratorio, Governare il Futuro e Insieme per la Città all’appuntamento della scorsa domenica: “Grazie per avermi fatto capire che ognuno vive e deve vivere nel suo mondo, gli altri non gli appartengono […] Grazie per aver rafforzato la concezione di squadra anche se poi pochi lavorano per realizzarla”.

Più diretto Roberto Toscano, il candidato che più si è avvicinato ai numeri di Lillino Sannicandro. “Ringrazio quanti hanno creduto convintamente nel progetto e sono rimasti dalla mia parte anche dopo che il partito al quale appartengo ha - prima ambiguamente e poi di fatto ufficialmente - sostenuto altro candidato, incurante dei prevedibilissimi rischi dell'ammissione alle primarie del già alleato del comune avversario (!)” è il messaggio lasciato dall’avvocato su Facebook, pieno di riferimenti al percorso che ha portato Insieme per la Città ad abbandonare la coalizione di Michele Abbaticchio e ad esprimere un candidato per le primarie, non risparmiando stoccate al Partito Democratico. 

“Ringrazio, una per una, le 1342 persone che ieri hanno votato per me alle primarie del centrosinistra a Bitonto, Mariotto e Palombaio e tutti gli altri, tra i votanti, che vi hanno partecipato spontaneamente e - continua, sempre più critico - senza induzione o interesse diverso dal sostegno politico”.

“Grazie ai tre mitici Nicola (Castro, Antuofermo e Saracino), a Franco e Francesco e, tra i tanti altri, ai ragazzi straordinari, quelli capaci di pensare in proprio e anche di criticarti, ma soprattutto di caricarti con la loro contagiosa passione politica di cui Bitonto ha grande bisogno” chiude la nota. Non è escluso che il malcontento di Toscano (e, soprattutto, quello dei suoi sostenitori) maturi e si trasformi in un dissenso che potrebbe stravolgere gli equilibri della coalizione targata PD. D’altronde già il capogruppo in Consiglio Francesco Paolo Ricci aveva espresso pesanti remore sulle primarie e sul partito, che aveva preferito convergere su Battipede, lasciando correre da outsider un suo tesserato (Toscano, ndr).

Maggiore chiarezza sul futuro del PD si potrà avere nelle prossime ore, quando la dirigenza avrà analizzato l’esito delle consultazioni. Intanto, sempre sui social network, è curioso scoprire come la pagina “Primarie Bitonto 2017” non abbia dato la notizia dell’esito della consultazione. L’ultimo post, infatti, risale alle ore 20:05 di domenica e riporta i dati relativi all’affluenza. Un piccolo segnale del malcontento che circola all’interno della coalizione?