Ritardi nell'affidamento dei servizi. Santorsola commissaria gli ARO

di La Redazione
Cronaca
25 marzo 2017

Ritardi nell'affidamento dei servizi. Santorsola commissaria gli ARO

Tra questi quello di Bitonto. Abbaticchio aveva invocato il provvedimento per salvare la SANB e il servizio

Dopo la diffida inoltrata lo scorso febbraio, l’assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, Domenico Santorsola, annuncia il commissariamento ad acta degli ARO inadempienti. Tra gli ambiti oggetto del provvedimento regionale c’è quello che riunisce i comuni di Bitonto, Terlizzi, Ruvo di Puglia, Corato e Molfetta

La decisione è arrivata in seguito ai ritardi maturati dai consorzi sulla procedura di affidamento dei servizi di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti. “A causa dei ritardi maturati nell’avvio del servizio unitario, in qualche caso in virtù di contenziosi e problematiche nate tra gli enti locali e con i soggetti partecipanti alle gare, si è reso necessario un intervento, abbiamo individuato, in qualità di commissario per le situazioni incagliate, l’avvocato Grandaliano, che è anche commissario dell’Agenzia Regionale dei rifiuti. Riteniamo – ha spiegato in un bollettino Santorsola – che una visione d’insieme di tutti gli aspetti connessi alla gestione, possa rappresentare un utile strumento per la soluzione delle questioni ancora ferme”.

Lo stesso Ambito in cui è inserita Bitonto viveva da più di un anno una situazione di stallo: costituita, la SANB non è mai diventata operativa, anzi. Palazzo Gentile è stata persino chiamata a colmare alcune perdite della società, che nelle intenzioni dell’ARO dovrebbe gestire i servizi legati alla gestione rifiuti. Mentre la nomina dell’Amministratore Unico è rimasta in stand-by. 

Lo stesso Abbaticchio, un mese fa, si era lamentato pubblicamente perchè, a suo dire, non si riusciva “a trovare una sintesi neanche per convocare l’assemblea per la nomina dell'amministratore unico”. Nonostante sui banchi dell’ambito fossero giunte numerose candidature. Tanto che da Palazzo Gentile, il 1° marzo, è stata inoltrata una missiva all’Agenzia Regionale dei Rifiuti, per chiedere il commissariamento: “Di fronte a tale situazione - aveva scritto Michele Abbaticchio - al fine di evitare lo scioglimento della società e soprattutto consentire l’immediata partenza del servizio, è necessario ed improcrastinabile,  a mio parere, l’intervento di un organo sovraordinato che individui in maniera concreta il percorso giuridico da seguire per l’avvio dell’attività, provvedendo alla nomina dell’organo di gestione e definendo le competenze relative”

Il commissario Grandaliano avrà il compito di coordinare le attività per finalizzare l’affidamento definitivo dei servizi su base Aro, con tutti gli atti presupposti e conseguenti. “L’obiettivo è quello, finalmente, di non avere più una regione a più velocità in tema di servizi di raccolta ma una omogeneità in termini di perfomance che – ha annunciato l’Assessore regionale – ci permetta di migliorare i dati di differenziata e di riorganizzare tutto il ciclo in linea con l’idea dell’economia circolare”.