Parte il valzer degli uffici: si inizia a lavorare per portare la Polizia Locale in centro

di La Redazione
Cronaca
10 febbraio 2017

Parte il valzer degli uffici: si inizia a lavorare per portare la Polizia Locale in centro

Il comando sarà ospitato nel Palazzo dei Podestà in piazza Marconi

Sono arrivati i primi concreti passi per il processo di trasferimento di alcuni uffici comunali deliberato dalla Giunta Abbaticchio lo scorso ottobre. Sono stati, infatti, avviati nei giorni scorsi i primi adempimenti necessari per mettere in sicurezza gli edifici interessati al trasferimento del Comando di Polizia Locale al Palazzo del Podestà di piazza Marconi, attuale sede del Servizio Demografico.

“Si parte – ha spiegato la vicesindaco Rosa Calò - con la verifica della tenuta antisismica degli edifici, resa obbligatoria dalla legge, che prevede la necessità di sottoporre a valutazione del rischio sismico gli immobili destinati ad ospitare uffici pubblici e, in particolare, quelli che sono sede di comandi degli organi di sicurezza e protezione civile. Per questo il Servizio per i Lavori Pubblici ha provveduto a bandire una gara per l’affidamento della valutazione del rischio sismico dell’ex “Mulino Calò”, attuale sede del Comando di Polizia Locale e del Coordinamento di protezione civile, e del Palazzo del Podestà, sede del Servizio Demografico. La conclusione di questa prima fase porterà ad una valutazione degli interventi che è necessario eseguire per rendere gli edifici sicuri e, quindi, dei costi da sostenere e da prevedere in bilancio”.

Nei programmi dell’Amministrazione la sede attuale del comando di Polizia Locale farà spazio agli uffici per le Politiche Sociali; il Servizio per i Lavori Pubblici e il Servizio Territorio verrebbe ubicato all’ex Tribunale in via Generale Planelli, mentre i Servizi Demografici tornerebbero a Palazzo Gentile. Inoltre la Giunta riterrebbe opportuno “dovere aderire alla richiesta della Questura di Bari di trasferire la sede del Commissariato medesimo presso l’edificio sede dell’ex Tribunale di Bari – Sezione Distaccata di Bitonto”.

Il Municipio starebbe viaggiando rispettando la tabella di marcia. Il valzer degli uffici porterebbe a liberare alcune parti Palazzo Gentile per la creazione di “spazi fruibili e vocati in misura maggiore ad esposizioni museali, considerato il valore architettonico del palazzo”. Mentre la musealizzazione, comunque, partirà in un secondo momento, in attesa di un finanziamento specifico.