Lo sfidante di centrosinistra del sindaco Abbaticchio sarà scelto con le primarie

di La Redazione
Politica, Elezioni Amministrative 2017
03 febbraio 2017

Lo sfidante di centrosinistra del sindaco Abbaticchio sarà scelto con le primarie

PD, PSI, Laboratorio, SI e Governare il Futuro faranno le consultazioni a marzo. Tra i probabili candidati Battipede e Toscano

Come anticipato da BitontoTv nelle scorse settimane, il candidato di centrosinistra che sfiderà il sindaco uscente Michele Abbaticchio sarà scelto attraverso le primarie. L’annuncio è arrivato nella notte con un comunicato congiunto firmato da Partito Democratico, Partito Socialista Italiano, Laboratorio, Sinistra Italiana e Governare il Futuro

Le forze politiche che comporranno la coalizione anti-Abbaticchio hanno spiegato di aver “sottoscritto nei giorni scorsi la ‘Carta dei valori […] e adesso avviano le procedure per le primarie”, perchè “la volontà di portare al centro della vita politica il cittadino rende necessario un percorso di partecipazione democratica che ha nello strumento delle primarie il suo momento fondante”.

“Le forze di coalizione - continua la nota - sono fortemente convinte che la legittimazione della leadership non può che venire dalla stessa base elettorale che si recherà alle urne nella prossima primavera”

Le primarie si terranno nella giornata di domenica 5 marzo e il regolamento sarà pubblicato nelle prossime ore sulla pagina Facebook “PrimarieBitonto2017”

Difficile dire al momento quanti saranno i candidati. Due, però, sembrerebbero essere quasi certi: l’ex vicequestore Pietro Battipede e l’avvocato Roberto Toscano. Entrambi in odore di candidatura già dallo scorso autunno, sarebbero i più quotati. Resta da capire se il Partito Socialista Italiano esprimerà o meno un nome in seno alla rosa di contendenti. Più remota l’ipotesi di una candidatura proveniente da Sinistra Italiana e Governare il Futuro.

Il documento che annuncia le primarie sancisce la definitiva presa di posizione di Sinistra Italiana, ma getta qualche ombra sul futuro di Valori Sociali. Il movimento di Tonino Lisi non compare tra i promotori delle consultazioni. C’è chi sostiene che abbia deciso di restare a guardare, chi invece scommetterebbe su un dialogo con il centrodestra.