A Teatro un recital sul caporalato

di La Redazione
Cronaca, Video
23 febbraio 2017

'Paradise' scritto da Valeria Simone domani in scena al Traetta per la Stagione Off

Domani, venerdì 24 febbraio,alle ore 21:00, per la stagione Off del Comune di Bitonto andrà in scena, al Teatro Traetta, “Paradise”, spettacolo scritto da Valeria Simone, una drammaturgia premiata con la pubblicazione del testo nel volume “Donne e teatro 2016”.

Lo spettacolo, diretto da Marialuisa Longo con Elisabetta Aloia e Lucia Zotti, è incentrato sul tema del caporalato e sul traffico degli esseri umani. Paradise è una produzione dell’Associazione Culturale Acasă, compagnia che promuove il teatro e la drammaturgia contemporanea raccontando il presente, dando particolare spazio e attenzione ai progetti collaborativi e all’uso degli spazi non convenzionali.

Nell’estate del 2005 novantacinque polacchi e quindici slovacchi furono liberati dal regime di schiavitù in cui si trovavano nel blitz dei carabinieri all’Hotel Paradise, un edificio completamente diroccato a pochi chilometri da Ortanova, in provincia di Foggia. Venerdì 19 agosto, all’alba, i carabinieri trovarono, in quella che un tempo era una sala ricevimenti, 110 uomini impiegati nel lavoro stagionale della raccolta di pomodori, ammassati su materassi rancidi in condizioni igienico sanitarie penose.

Il miraggio di un guadagno facile spingeva, e spinge tuttora, migliaia di stranieri ad arrivare in Italia per diventare schiavi di un sistema disumano; a questo mondo appartiene Krystyna, vittima e carnefice dell’ingranaggio del caporalato; nei meccanismi che troneggiano da sempre nello sfruttamento del lavoro scoprirà, per la prima volta, i limiti della condizione umana.

“Paradise” è la storia di un’umanità schiacciata dal sistema dello sfruttamento che per salvarsi schiaccia a sua volta, forse in modo inconsapevole, ma travolta da una crudeltà che non salva nessuno. Lo spettacolo è ispirato alle storie di migliaia di braccianti polacchi che tra il 2003 e il 2008 vennero in Puglia per lavorare nella raccolta dei pomodori; molti di loro sparirono o furono trovati morti in circostanze inspiegabili.

“Paradise” è dedicato a tutti loro e a giornalisti come Alessandro Leogrande e Nicola Pepe che, grazie al lavoro d’inchiesta, hanno portato alla luce volti e storie di cui questo testo teatrale si è nutrito.

 

In copertina il teaser dello spettacolo