Caso Devanna. I nuovi titolari dei locali: 'Vogliamo collaborare per la valorizzazione culturale'

La Redazione
di La Redazione
Cronaca, Cultura e Spettacoli
19 gennaio 2017

Caso Devanna. I nuovi titolari dei locali: 'Vogliamo collaborare per la valorizzazione culturale'

E dal Mibact: 'I soldi per l'acquisto dei locali non ci sono'

In relazione alla vendita dei due locali del Palazzo Sylos – Calò, che potrebbe mettere a repentaglio il futuro della Galleria Nazionale Devanna, il segretario regionale del Mibact per la Puglia ha precisato in una nota che "ha compiuto tutti gli atti previsti per legge ed in particolare ha trasmesso la comunicazione agli enti territoriali interessati per l’eventuale esercizio del diritto di prelazione sui predetti locali oggetto degli articoli citati. I locali venduti non costituiscono “grandi ambienti” come riportato in un articolo, in quanto, per metratura ridotta, potrebbero essere destinati a servizi di accoglienza e biglietteria del museo. Non risulta alcun “finanziamento accantonato da oltre 10 anni” per l’acquisto dei suddetti locali" e ricorda di aver esercitato, nel 2014, "il diritto di prelazione su sei locali del Palazzo Sylos Calò, sede della Galleria, al fine di consentire l’ampliamento della fruizione della collezione Devanna".

Inoltre i nuovi proprietari dei locali hanno dichiarato di essere rimasti sopresi e stupiti dal clamore mediatico legato alla vicenda dell’acquisto. “Da quando è stata inaugurata la galleria ed in generale da decenni quei locali sono abbandonati. Noi abbiamo deciso di acquistarli legittimamente come prevede la legge, anche perché ubicati in un centro antico finalmente rivitalizzato e culturalmente vivace. In verità - considerando la vicenda degli altri locali del piano terra venduti un anno fa - ci aspettavamo la prelazione del Ministero, ma non ci è stata data nemmeno una risposta negativa. Tuttavia - sollecitati dal sindaco Michele Abbaticchio e dall’assessore Rino Mangini, che ci hanno parlato del progetto di allargamento della Galleria e delle potenziali ricadute culturali e turistiche a vantaggio dell’intera città – comunichiamo l’immediata disponibilità a collaborare al progetto di valorizzazione culturale degli immobili (due piccoli locali) coerentemente al piano di sviluppo della intera Galleria, dando seguito agli input dell’Amministrazione comunale, del prof. Mino Devanna e della Direzione della Galleria Devanna”.