Riccardo Riccardi presenta 'Spezieri e farmacie in Terra di Bari'

di La Redazione
Cultura e Spettacoli
01 dicembre 2016

Riccardo Riccardi presenta 'Spezieri e farmacie in Terra di Bari'

L'evento è patrocinato dal Centro Ricerche di Storia e Arte e dalla Libreria del Teatro

Venerdì 2 dicembre, a partire dalle ore 19, presso il salotto letterario “Degennaro” di Bitonto, in Largo Teatro 7, si terrà un nuovo evento culturale patrocinato dal Centro Ricerche di Storia e Arte e dalla Libreria del Teatro

Lo scrittore e giornalista barese Riccardo Riccardi presenterà il volume “Spezierie e farmacie in Terra di Bari”, edito da Adda Editore. 

Il volume ricostruisce, tramite una certosina ricerca storica che si fa leggere con l’interesse di un intrigante racconto, le tappe che hanno segnato non solo le vicende degli speziali di medicina, dal Medioevo alla seconda metà dell’Ottocento, ma anche la loro trasformazione in farmacisti borghesi e, in seguito, in farmacisti imprenditori, a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, sia nella Terra di Bari sia nell’intero Mezzogiorno.

Riccardi è autore di numerosi saggi su temi di storia economica e sociale del Mezzogiorno in età moderna e contemporanea, e si occupa di tematiche relative alla storia dei gruppi dirigenti meridionali. Ha pubblicato: “I Pomarici - Storia di un’antica famiglia meridionale” (edizioni del 2003 e 2006) per i tipi “Levante Editore”; “L’impresa di Felice Garibaldi e il Risorgimento in Puglia (1835-1861)” ”(pubblicazioni 2007 e 2010) per “Congedo Editore”; “Album Lucano - Famiglie, personaggi e immagini ritrovate” (2008) per “Antezza Editore”; “Una famiglia borghese meridionale - I Porro di Andria”(2013), “Rubbettino”.

Converserà con l’autore sulla storia dei farmacisti nel secolo d’oro della borghesia bitontina e della provincia di Bari il giornalista Marino Pagano. Saluti dell’assessore al Marketing Territoriale del Comune di Bitonto, Rino Mangini. L’introduzione sarà curata dal presidente del Centro Ricerche, Stefano Milillo. Leggerà alcuni passi del saggio l’attrice Floriana Uva.